Neoborbonici contro fiction Eravamo solo mille

Napoli - Il Movimento Neoborbonico invita i telespettatori a boicottare la fiction “Eravamo solo mille” prevista per domenica e lunedì prossimi su Rai 1. Ancora una volta il denaro pubblico è stato dissipato per una produzione costosa, ma...

Il Movimento Neoborbonico invita i telespettatori a boicottare la fiction “Eravamo solo mille” prevista per domenica e lunedì prossimi su Rai 1.
Ancora una volta il denaro pubblico è stato dissipato per una produzione costosa, ma lontanissima dalla realtà storica che gli studi più recenti sono finalmente riusciti a ricostruire.
Incomincia nel peggiore dei modi la retorica celebrazione del bicentenario della nascita di Garibaldi. I cosiddetti “Mille” in pochi giorni erano già diventati decine di migliaia, grazie all’appoggio più o meno palese di Piemonte e Inghilterra. I pochi siciliani che seguirono Garibaldi, in effetti, erano picciotti della mafia lautamente ingaggiati prima dello sbarco.
La spedizione garibaldina fu solo l’inizio di una conquista militare a tradimento del pacifico regno delle Due Sicilie: da allora in poi centinaia di migliaia di meridionali saranno massacrati e cancellati dalla storia con il nome di “briganti”; da allora in poi milioni di persone saranno costrette ad emigrare per una questione meridionale ancora irrisolta.
La costruzione di una vera identità nazionale italiana non può realizzarsi pienamente continuando a tramandare una storia parziale, ricca di menzogne e luoghi comuni.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

Torna su
CasertaNews è in caricamento