Ronghi (An): su Bando Operatori Socio Sanitari

Napoli - “Dopo la mia denuncia sullo scandalo dei corsi per operatore socio sanitario, la Giunta regionale ha ritirato il bando”.E’ quanto ha affermato il consigliere regionale di An e Vicepresidente del Consiglio Regionale della Campania...

“Dopo la mia denuncia sullo scandalo dei corsi per operatore socio sanitario, la Giunta regionale ha ritirato il bando”.E’ quanto ha affermato il consigliere regionale di An e Vicepresidente del Consiglio Regionale della Campania, Salvatore Ronghi, che denunciò la questione attraverso una serie di interrogazioni consiliari e di interventi in Consiglio regionale, in ultimo, in occasione della approvazione del bilancio regionale.“Era palese la violazione da parte della Giunta della legge istitutiva dei corsi, la 21/2006, che approvammo in Consiglio regionale, la quale prevedeva il passaggio obbligatorio in Consiglio per la individuazione dei criteri di accesso ai corsi – ha ricordato Ronghi -; proprio questo punto, infatti, è oggetto della delibera di revoca del bando da parte della Giunta, che accolgo con soddisfazione anche se resta gravissimo il bando approvato dal governo regionale con il quale ha voluto asservire a logiche clientelari una legge nata in Consiglio per far fronte a problemi di disoccupazione. A questo proposito – ha proseguito l’esponente del partito di Fini – mi chiedo quale atteggiamento il Presidente Bassolino abbia assunto nei confronti di chi ha voluto un bando illegittimo e clientelare e mi aspetto risposte fattive in termini di individuazione delle responsabilità”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

Torna su
CasertaNews è in caricamento