Intimidazione al sindaco : solidarieta' da sindaci Agro

Villa Literno - "Un grave atto di intimidazione che ci ha lasciato sconcertati", è unanime lo sdegno da parte dei sindaci dell'Agro Aversano che hanno fatto avere i propri attestati di solidarietà nel corso di tutto il pomeriggio di ieri al...

"Un grave atto di intimidazione che ci ha lasciato sconcertati", è unanime lo sdegno da parte dei sindaci dell'Agro Aversano che hanno fatto avere i propri attestati di solidarietà nel corso di tutto il pomeriggio di ieri al sindaco di Villa Literno Enrico Fabozzi oggetto nella serata di mercoledì di un grave atto di intimidazione.
Giuseppe Savoia (sindaco di Sant'Arpino), Giuseppe Fiorillo (sindaco di Cesa e consigliere provinciale), Andrea Lettieri (sindaco di Gricignano e assessore provinciale), Mario Masi (sindaco di Carinaro), Domenico Ciaramella (Aversa), Biagio Lusini (Teverola), Pasquale Carbone (San Marcellino), Lucio Santarpia (Frignano), Francesco Papa (Succivo) si sono fatti sentire direttamente con il primo cittadino, ma nel corso della giornata e fino a sera inoltrata da tutto l'agro aversano sono arrivate a Villa Literno sentite attestazioni di solidarietà.
"Siamo tutti uniti e vicini al sindaco di Villa Literno; la presenza del Governo a Caserta è una testimonianza che stiamo lavorando bene".
Commosso della vicinanza, Fabozzi ha ringraziato tutti.
L'atto ha colpito tutti anche in considerazione del fatto che non si erano avute avvisaglie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "I Casalesi comandano ancora". La Dia ricostruisce la mappa dei clan nel casertano | FOTO

  • Uccide uccelli di specie protetta, sequestrato fucile e animali a cacciatore | FOTO

  • Avete sete dopo aver mangiato la pizza? Ecco i 3 motivi per cui accade

  • Chiede alla fidanzata di sposarlo durante la sfilata dei bottari | VIDEO

  • Il business della monnezza dei Casalesi, la Dia: "Veleni nell'acqua e nelle strade"

  • Mazzette ai politici per gli appalti alla camorra, Zagaria è un fiume in piena

Torna su
CasertaNews è in caricamento