Cambio al vertice del Distretto Militare

Napoli - Venerdì 5 gennaio 2007, con inizio alle ore 10.00 nella caserma Carmine Calò, alla presenza del generale di brigata Marco Rossi e delle massime autorità religiose, civili e militari di Napoli, avrà luogo la cerimonia di cambio del...

Venerdì 5 gennaio 2007, con inizio alle ore 10.00 nella caserma Carmine Calò, alla presenza del generale di brigata Marco Rossi e delle massime autorità religiose, civili e militari di Napoli, avrà luogo la cerimonia di cambio del comandante del distretto militare di Napoli.
Il colonnello Leopoldo Alois, per raggiunti limiti d’età, sarà avvicendato dal colonnello Michele Farino, proveniente dal Comando Divisione “Acqui” di San Giorgio a Cremano, dove ha ricoperto l’incarico di Sottocapo di Stato Maggiore Supporti.
La cerimonia sarà preceduta dalla deposizione di una corona al monumento ai caduti. Una giornata all’insegna della solennità militare che vedrà lo schieramento, in armi, del Reparto Supporti Generali, con lo sfilamento dei medaglieri e dei labari delle associazioni combattentistiche e d’arma.
A suggellare la cerimonia la partecipazione del gonfalone della città di Napoli decorato di medaglia d’oro al valor militare. I tempi della cerimonia saranno scanditi dalla fanfara della brigata bersaglieri “Garibaldi” di Caserta.
I distretti militari costituiti, nel 1870, per gestire le operazioni relative alla leva, all’istruzione dei reparti della milizia mobile, alla mobilitazione dei richiamati dal congedo ed alla formazione dei reparti della milizia territoriale, sono naturalmente evoluti sino a diventare oggi il portale principale della Forza Armata. Oggi, come nel passato, il distretto costituisce il collettore principale dell’organizzazione militare con la società.
Non esiste, nell’ambito della Forza Armata, un organismo così fortemente connesso con la società, con le sue istituzioni, con le altre F.A. e corpi armati dello Stato, come il distretto militare che, allo stesso tempo, è anche memoria storica e documentale del nostro passato.
In questi ultimi due anni nel distretto è stato ulteriormente perfezionato l’aggiornamento strutturale e procedurale. Le motivazioni di tale ulteriore cambiamento sono scaturite dalla coscienza di migliorare il rapporto con l’utenza e dalla sospensione del servizio di leva con la contestuale istituzione della figura del volontario a ferma prefissata, pedina fondamentale del “Nuovo Esercito”.
Per la circostanza interverrà anche la Signora Maria Pepe, vedova del colonnello Carmine Calò - al quale è dedicata la caserma sede del Distretto Militare - caduto a Kabul in Afghanistan il 22 agosto 1998 nell’ambito della missione “UNMSA” (United Nations Special Mission Afghanistan).
Per il comportamento tenuto nella circostanza, che lo portò sino al sacrificio supremo per il sommo bene della pace , al tenente colonnello Carmine Calò fu concessa la promozione al grado di colonnello e la medaglia d’oro al valor militare “alla memoria”.

NOTE BIOGRAFICHE
Comandante cedente
Il colonnello Leopoldo Alois è nato Piazzolla di Nola (NA) il 7 gennaio 1947 e consegue la nomina ad ufficiale nel 1971. Dal 1971 al 1991, ha prestato servizio alla Scuola Truppe Corazzate di Caserta ricoprendo importanti incarichi tra i quali: comandante di plotone equipaggi mezzi corazzati e allievi ufficiali di complemento; comandante di plotone carri; comandante di compagnia capicarro; aiutante maggiore; capo sezione istruttori e caposezione addestramento del Comando Scuola.
Dal 1993 al 2003 ha svolto l’incarico di Capo Ufficio Selezione e Addestramento del 231° reggimento “ Avellino “ in Avellino.
Promosso colonnello dal 2003 al 2005, ha ricoperto l’incarico di Coordinatore del Comando Reclutamento e Forze di Completamento Regionale “Calabria” in Reggio Calabria.
Dal 13 aprile 2006 assume il comando del Distretto Militare di Napoli.
Il suo medagliere si compone di: medaglia Mauriziana al merito di dieci lustri di carriera militare, medaglia di bronzo al merito di lungo comando e cavalierato della Repubblica. Nutrite, inoltre, le medaglie commemorative con nastrino per aver partecipato alle operazioni di soccorso alle popolazioni terremotate della Campania e della Basilicata in occasione del sisma del 1980, del Molise in occasione del terremoto del maggio 1994 e di Pozzuoli in occasione del bradisismo del 1993.Il colonnello Alois per effetto del suo pensionamento sarà generale di brigata in data 8 gennaio 2007. L’ufficiale è coniugato con la Signora Carmelina Iarrobino ed ha due figlie Annarita e Camilla, rispettivamente Avvocato e Insegnante di Lettere Classiche.
Comandante subentrante
Il colonnello Michele Farino è nato a San Paolo di Civitate (FG) il 05.06.1955.Proviene dai corsi regolari dell'accademia militare di Modena (159° corso) e della scuola di applicazione di Torino (1980 - 1982).
Ha frequentato il 116° corso di Stato Maggiore presso la Scuola di Guerra in Civitavecchia.Laureato in Scienze Politiche all'Università degli Studi di Torino. Nel corso degli anni ha approfondito la preparazione professionale frequentando vari corsi di formazione e specializzazioni tra i quali: il corso di ardimento, di pattugliatore scelto e di sopravvivenza, il corso di nuoto e salvamento, il corso di perfezionamento in equitazione ed il corso di lingua inglese presso la scuola lingue estere dell'Esercito.
Il colonnello Farino dopo un breve periodo trascorso nell'arma di artiglieria specialità missili, nel 1986 supera brillantemente il corso di pilotaggio elicotteri diventando pilota dell'Esercito.
Divenuto pilota osservatore dell'Esercito, l'ufficiale annovera il superamento di importanti corsi di pilotaggio con la relativa abilitazione: corso di abilitazione su elicottero multiruolo - 1, corso di abilitazione su elicottero multiruolo – 2, corso di abilitazione su elicottero multiruolo – 3, corso di abilitazione su elicottero multiruolo - 4, abilitazione all'ammaraggio forzato.
I periodi di comando trascorsi presso l'aviazione dell'Esercito vedono il colonnello Farino svolgere incarichi presso il 20° gruppo squadroni aves "Andromeda" di cui è stato anche comandante sia in sede che in teatro balcanico (Albania) ed il 2° reggimento aves "Sirio". In quasi venti anni di pilotaggio elicotteri spiccano le oltre 2.500 ore di volo effettuate. Fra gli ulteriori incarichi di staff ricoperti dall'Ufficiale emergono: Ufficiale addetto presso lo Stato Maggiore dell'Esercito - RAG - Ufficio Affari Generali - 3^ sezione e Sottocapo di SM supporti presso il comando Divisione "Acqui".Le principali operazioni fuori area svolte dal colonnello Farino sono state effettuate in teatro balcanico nella Ex-Jugoslavia dove veniva impiegato, come già anticipato, comandante del 20° gruppo squadrone aves "Andromeda".Il colonnello Farino è stato insignito delle seguenti onorificenze: Cavaliere Ufficiale della Repubblica Italiana, Medaglia di Bronzo per Lungo Comando, Medaglia d'Argento per Lunga Navigazione Aerea, Croce Commemorativa per le operazioni svolte nell'area balcanica, Medaglia Nato per le operazioni svolte nella EX-Jusgoslavia. Il colonnello Farino è sposato con la Signora Sabina Ragno ed ha due figli, Alberto e Francesco.

Potrebbe interessarti

  • Buco nel pavimento del pronto soccorso, donna cade e si fa male

  • Pericolo topi: ecco come scacciarli dalle vostre case

  • Budget finito, ora tutte le analisi e le visite mediche saranno a pagamento

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

I più letti della settimana

  • Il casertano brucia di calore: temperature a 50 gradi

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • Muore dopo lo schianto in autostrada al rientro dalle vacanze

  • Le previsioni meteo per Ferragosto nel casertano

  • Schianto in moto, infermiere in prognosi riservata

  • FORZA LUCREZIA Amici e familiari in preghiera per la 24enne

Torna su
CasertaNews è in caricamento