Auto-formazione ed auto-imprenditorialita'

Salerno - Ha avuto inizio mercoledì 20 novembre 2006, presso l’Università degli studi di Salerno, il primo corso di formazione “PIT Sociale 2006 – Creare famiglia in provincia di Salerno e prospettive per l’occupazione”. Il corso, fortemente...

Ha avuto inizio mercoledì 20 novembre 2006, presso l’Università degli studi di Salerno, il primo corso di formazione “PIT Sociale 2006 – Creare famiglia in provincia di Salerno e prospettive per l’occupazione”. Il corso, fortemente voluto dall’assessore Guerrino Terrone, è organizzato dall’Assessorato alle Politiche Sociali della Provincia di Salerno in collaborazione con la Cattedra di Diritto del Lavoro della Facoltà di Giurisprudenza.
Il corso è coordinato dal professore P. Greco; ha ad oggetto interventi di sensibilizzazione ed orientamento all’auto-formazione ed auto-imprenditorialità in virtù dell’insegnamento degli strumenti operativi e normativi a disposizione.
Al corso hanno aderito 25 giovani in possesso di curricula ‘deboli’ (diploma o laurea senza specializzazione).
Relatori del corso sono il dott. Remo Russo (Parco Scientifico e Tecnologico di Salerno), il dott. Lorenzo Cuomo (cattedra di Diritto del Lavoro, Università di Salerno), il dott. F. Ciambelli (esperto in bilancio ed orientamento), il prof. Carmine Pagano (esperto in Economia Salernitana ed in opportunità di micro e macro sviluppo) ed il dott. Guerrino Terrone (Assessore provinciale alle Politiche Sociali e Pari Opportunità). Il corso ha una durata di 33 ore: le lezioni si terranno presso l’Università degli Studi ogni mercoledì e venerdì per tutto il mese di gennaio e durante la prima metà di febbraio 2007. A latere sono previsti due convegni di approfondimento. Al termine sarà rilasciato un attestato/diploma.
“La Provincia di Salerno – commenta l’assessore Guerrino Terrone – sta attuando una serie di iniziative finalizzate ad accrescere i livelli medi di formazione. Il mio assessorato crede fortemente nella formazione quale strumento di emancipazione sociale dei giovani appartenenti alle fasce più deboli. Partendo proprio dalla formazione è quindi possibile avviare il costruttivo processo di contrasto alla piaga della disoccupazione che, strutturato nel tempo, realizzi il circolo virtuoso di produzione di reddito e di assorbimento delle energie lavorative locali”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

Torna su
CasertaNews è in caricamento