Picone insiste: 'Porta aperta agli insoddisfatti'

Trentola-Ducenta - E’ rottura totale tra Griffo e Picone. Che le strade dei due esponenti centristi di Trentola-Ducenta si fossero divise non c’erano più dubbi, ma lo scontro sta assumendo toni sempre più aspri e difficilmente la tensione tenderà...

E’ rottura totale tra Griffo e Picone. Che le strade dei due esponenti centristi di Trentola-Ducenta si fossero divise non c’erano più dubbi, ma lo scontro sta assumendo toni sempre più aspri e difficilmente la tensione tenderà a scemare. Il clima, già caldo, tende a diventare rovente, anche perché la stagione politica è già stata inaugurata dalla caduta dell’amministrazione che ha prodotto un vero e proprio sconquasso, dai contorni tanto in apparenza ben definiti quanto in profondità decisamente foschi. Le alleanze che si prospettano appaiono appese ad un filo e le certezze di oggi si trasformano nei dubbi di domani: questo lo sanno fin troppo bene, i due principali protagonisti della scena trentolese, senza nulla togliere ad Apicella e Pagano, alfieri di due degli (ancora imprecisati) schieramenti che si daranno aspramente battaglia fino a quando non sarà il risultato delle urne a dichiararne il vincitore. Riepilogando, la scorsa settimana Picone aveva teso la mano ai griffiani insoddisfatti dell’ipotesi Apicella e incerti della leadership dell’ex primo cittadino; a muso duro ha replicato il forzista Giuseppe Esposito, accusando l’ex delfino di Griffo di aver mandato a casa gli “amici” cui ora rivolge l’invito al dialogo ed alla ricomposizione. Una polemica che si arricchisce di nuovi, interessanti spunti, dettati dalle dichiarazioni rilasciateci da Nicola Picone, più che mai al centro del mirino dei griffiani: “Ero già al corrente della scelta compiuta da Esposito, le sue parole non mi colgono di sorpresa. D’altronde è evidente che l’ex sindaco pilota le affermazioni dei suoi seguaci, ma non ci sono problemi. Resta il fatto che il mio invito era e resta rivolto anche e soprattutto ad altre persone. Esposito resta un amico, ma con tutto il rispetto è una noce che, nel sacco, non fa rumore…”. Quindi lei punta a convincere gli insoddisfatti che, a suo dire, non resteranno ancora per molto alle dipendenze di Griffo? “Io penso che presto ci saranno grosse sorprese… Nel giro di pochi giorni ufficializzeremo la nostra lista, che potrà contare su altre personalità di spicco ed esperienza”. Staremo a vedere. Intanto Esposito punzecchia gli avversari: sostiene che l’unico vero gruppo è quello di Griffo, che può contare su nove consiglieri comunali uscenti… “Si facciano bene i conti: con questi numeri, non sarebbero andati a casa! Al massimo saranno in quattro o cinque… E poi con Griffo ho chiuso: non ho più nulla a che spartire con lui, né politicamente né personalmente nè umanamente, visto il modo in cui tratta e considera le persone che hanno a che fare con lui!”. Più chiaro di così…

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

Torna su
CasertaNews è in caricamento