ELEZIONI Parente si schiera: "Voto Petrella al ballottaggio"

L'ex candidato sindaco entrerebbe in Consiglio solo in caso di vittoria di Petrella

Luigi Petrella e Giovanni Parente

Si infiamma lo scontro in vista del ballottaggio di domenica 9 giugno a Castel Volturno tra Luigi Petrella e Nicola Oliva, i due candidati alla fascia tricolore della città del litorale. L’occasione per l’ennesimo botta e risposta è stata in merito al ruolo di Giovanni Parente, che con il suo movimento “Siamo Castelvolturno” ha scelto di appoggiare al ballottaggio il candidato di centrodestra, pur senza un apparentamento ufficiale. Parenet infatti solo in caso di vittoria di Petrella riuscirebbe ad entrare in consiglio comunale.

Petrella ha infatti confermato di aver stretto un 'accordo' con Parete. “Il rispetto delle persone e delle loro idee è il terreno comune che ci ha portato a siglare un’intesa di valori e di programmi per il bene di questa nostra Comunità. Su questi basi ci siamo stretti la mano e guardato negli occhi. Non servono patti segreti, non ci interessa misurare con il bilancino incarichi e poltrone, guardiamo unicamente a come risollevare insieme un paese ferito, deluso, abbandonato”.

L'appoggio di Parente a Petrella è finito nel mirino di Oliva, che ha ricordato come Parente abbia “dichiarato pubblicamente di tutto e di più contro i partiti e i candidati della coalizione di Petrella”, decidendo quindi di creare una lista civica autonoma "per prendere le distanze da ‘quel gruppo di sconsiderati’. Parente e i suoi si unirebbero alla “Premiata Ditta” messa in piedi da Petrella & Co. Un fritto-misto di persone che, fino ad ora, hanno avuto a cuore più la "corsa al palazzo" che l'interesse della città”.

Alle accuse è arrivata la pronta replica di Petrella, che si è detto “non affatto meravigliato del livore che il candidato sindaco del centro-sinistra ha riversato in queste ore sul dottore Parente. Il loro post è pieno di rancore e ripropone il solito atteggiamento deleterio che ha caratterizzato Nicola Oliva e i suoi sodali e che ha distrutto Castelvolturno: se stai con loro, se abbracci e condividi il loro percorso diventi subito santo, immacolato, incontaminato, diversamente, se una persona esercita il proprio diritto di scegliere liberamente e apertamente da che parte stare, allora, viene additato come traditore, cacciatore di poltrone, usurpatore delle volontà popolari. Oliva, con la sua rabbia, non fa onore nemmeno a quei Concittadini che lo hanno votato che, a differenza sua, sono persone equilibrate, serene, capaci di distinguere il piano politico da quello personale. Perché la si può pensare anche diversamente, difendendo il proprio punto di vista e le proprie idee senza mai perdere la compostezza ed il rispetto per le persone. Oliva impari dai suoi elettori, molto migliori di chi li rappresenta, perché non ha ancora compreso che la delegittimazione di chi la pensa diversamente da loro equivale a delegittimare la democrazia e le istituzioni. Pazienza, ce ne faremo una ragione a cominciare da domenica 9 giugno”.

Sulla vicenda è quindi intervenuto lo stesso Parente, che ha ringraziato Petrella e la sua coalizione “per la disponibilità e l’umiltà con la quale abbiamo affrontato e discusso le possibili soluzioni da dare ai problemi della nostra città. La comunanza di valori e progetti ci ha uniti e ci ha portati naturalmente a condividere il suo percorso per ridare a Castel Volturno e al centrodestra la leadership di un territorio ferito e martoriato da chi ha amministrato fino ad oggi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccati con un cinghiale di 100 chili in auto

  • Camion si ribalta, autostrada chiusa | FOTO

  • Gioielli rubati, l'ispettore incastra il titolare del 'Compro Oro'

  • Pistola in pugno rapinano automobilista del Rolex: caccia ai banditi

  • "Ucciso per un'offesa a Zagaria", il manoscritto di Schiavone finisce nel processo

  • Vento forte, pericolo nel casertano: c’è l’allerta

Torna su
CasertaNews è in caricamento