Sindaco Anastasio Napoletano annuncia dissesto finanziario

Raviscanina - "Il dissesto finanziario è una scelta impegnativa e complessa, che certamente può determinare qualche malcontento, ma siamo certi che i nostri concittadini, rifiutando ogni prevedibile forma di bassa speculazione, sapranno valutare...

"Il dissesto finanziario è una scelta impegnativa e complessa, che certamente può determinare qualche malcontento, ma siamo certi che i nostri concittadini, rifiutando ogni prevedibile forma di bassa speculazione, sapranno valutare l'operato di questa maggioranza con attenzione e diligenza. Ma non abbiamo altra opzione che potesse assicurare un punto fermo nella gestione finanziaria dell'Ente.
Abbiamo, cioè, il dovere di arrestare la crescita inevitabile del debito, poiché dalla data della deliberazione di dissesto e sino all'approvazione del rendiconto, i debiti insoluti a tale data e le somme dovute per anticipazioni di cassa già erogate, non producono più interessi né sono soggetti a rivalutazione monetaria.
E', dunque, doveroso evidenziare che si tratta di un atto inevitabile in quanto determinato da una condizione certificata di deficit strutturale alla quale non è stato possibile porre rimedio in altro modo, pur avendo esaminate tutte le possibilità previste per formulare un concreto piano di rientro.
Il dissesto, pertanto, non è una scelta politica, ma il risultato di un'attenta valutazione di elementi inequivocabili, per cui esso è fatto per legge. I dati, infatti, parlano chiaro! Ci sono 362.000,00 Euro circa di disavanzo e circa 1.200.000,00 Euro di debiti fuori bilancio. La relazione del revisore contabile è altrettanto chiara ed esaustiva. Questo Ente è pieno di debiti! Ciò paralizza la gestione corrente, non permette di erogare e garantire servizi. È stata una decisione sofferta a cui solo ora questa Amministrazione ha potuto giungere grazie al lavoro scrupoloso effettuato dalla nuova responsabile del servizio finanziario la quale, con dedizione e pazienza, ha permesso a questa Amministrazione di conoscere la vera entità deldisastro economico preso in eredità.
È da sottolineare infatti che il precedente responsabile del servizio finanziario, seppur ripetutamente sollecitato in tal senso dall'amministrazione e dal Segretario Comunale, mai è stato in grado di rappresentare in modo veritiero e trasparente la reale situazione finanziaria dell'Ente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
C'è una voragine nelle casse comunali, scaturita da un disavanzo di amministrazione e da debiti fuori bilancio che per anni si sono stratificati senza che mai venisse affrontata la problematica con la dovuta determinazione. Con questo sofferto atto di responsabilità non si vuole, certo, operare facili valutazioni di merito sulle precedenti amministrazioni che, evidentemente, hanno ritenuto di non dover esaminare la possibilità oggi diventata inevitabile, pur in presenza di un inarrestabile declino economico del nostro Ente. In altri termini, diciamo con chiarezza che a noi non interessa ricercare eventuali responsabilità del grave deficit. A farlo, comunque, ci sono gli organi competenti che, nel caso, dovranno stabilirlo; come avrebbero dovuto stabilirlo anche nell'ipotesi di non applicazione del previsto istituto normativo del dissesto, allorquando il Consiglio, avendo avuto la possibilità di redigere un piano di rientro, sarebbe stato chiamato a riconoscere i debiti fuori bilancio.
Ci assumiamo, oggi, la responsabilità di una scelta non semplice e dolorosa, a differenza di chi ha preferito fuggire da quelle proprie. Staremo a vedere i frutti che ne scaturiranno nel prossimo futuro e saranno poi gli elettori ad esprimere il loro parere sulla nostra azione amministrativa. Una cosa, però, sentiamo di dover affermare con altrettanto senso di responsabilità: continueremo il lavoro intrapreso assicurando il nostro incondizionato impegno ad essere accanto alla nostra gente, perseverando ad operare con leale trasparenza per garantire, attraverso il superamento della grave crisi finanziaria, nuove e più concrete occasioni per la rinascita di questo paese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due casi fuori la 'zona rossa' di Mondragone. Un nuovo caso anche a Falciano

  • Zona rossa a Mondragone, pediatri di famiglia preoccupati: "Scaricate l'app Immuni"

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Macchia nera in mare, era letame. Denunciati padre e figlio

  • Schiavone: "La Provincia era un ente permeabile grazie a Ferraro e Cosentino"

  • Droga venduta al bar sull'asse Caivano-Caserta, 11 indagati

Torna su
CasertaNews è in caricamento