Presentazione del protocollo di concertazione sulla Riqualificazione e valorizzazione fiume Volturno'

Baia e Latina - Nella sala consiliare del comune, a partire dalle ore 10,30, il sindaco Michele Santoro, gli assessori regionali all'Agricoltura On. Daniela Nugnes e all'Ambiente On. Giovanni Romano, i presidenti degli enti ed i primi cittadini...

Nella sala consiliare del comune, a partire dalle ore 10,30, il sindaco Michele Santoro, gli assessori regionali all'Agricoltura On. Daniela Nugnes e all'Ambiente On. Giovanni Romano, i presidenti degli enti ed i primi cittadini dei comuni dell'Alto casertano che hanno aderito all'iniziativa, presenteranno ai mass media le linee guida del Patto per la Salvaguardia Ambientale del Territorio del Matese e dell'Alto Casertano, con particolare attenzione al recupero e alla tutela del fiume Volturno, il maggior corso d'acqua che bagna l'intero territorio chiamato oggi a difendere una vera e propria risorsa naturale e a sfruttarne le enormi potenzialità dopo averne promosso una profonda e concreta opera di bonifica e pulizia da ogni tipo di rifiuto.Su iniziativa dell'amministrazione comunale e dell'osservatorio ambientale guidato dal Colonnello dell'Esercito Italiano Francesco Gazzillo, 33 sindaci e tutte le istituzioni locali hanno aderito nei mesi scorsi al Patto, individuando in esso uno strumento strategico di programmazione e di intervento innovativo, mirante alla salvaguardia dell'ambiente e l'utilizzo delle risorse locali largamente sottoutilizzate con finalità di riqualificare e valorizzare una risorsa naturale quale è il fiume Volturno, per facilitare l'accesso dei giovani nei processi di tutela ambientali in atto, favorendo contemporaneamente l'inserimento lavorativo e la riqualificazione professionale della forza lavoro in difficoltà, attuando in effetti una programmazione concertata dal basso nel campo della tutela e salvaguardia dell'ambiente, con la partecipazione al tavolo di concertazione di tutti i soggetti della filiera: parti sociali ed imprenditoriali, scuole di ogni ordine e grado, ordini professionali, enti di formazione operanti sul territorio, centri per l'impiego, Associazioni di volontariato no-profit. In tal modo, si intende promuovere interventi e servizi aperti al territorio che rispondano alla necessità di favorire l'inclusione nei circuiti educativi della difesa e tutela del territorio dei giovani; favorire opportune sinergie ed adeguate collaborazioni tra attori istituzionali, economici e sociali che agiscono a livello territoriale nell'ambito del sistema della bonifica e tutela del territorio catalizzando la necessità di accesso dei giovani alle necessità sempre più impellenti del mondo imprenditoriale di professionalità adeguate alle proprie necessità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "I Casalesi comandano ancora". La Dia ricostruisce la mappa dei clan nel casertano | FOTO

  • Uccide uccelli di specie protetta, sequestrato fucile e animali a cacciatore | FOTO

  • Avete sete dopo aver mangiato la pizza? Ecco i 3 motivi per cui accade

  • Latte dei Casalesi, i nipoti di Zagaria "gente di serie A, non munnezzaglia"

  • Chiede alla fidanzata di sposarlo durante la sfilata dei bottari | VIDEO

  • Il business della monnezza dei Casalesi, la Dia: "Veleni nell'acqua e nelle strade"

Torna su
CasertaNews è in caricamento