Gomorra, Saviano condannato per plagio del 'Corriere di Caserta'

Caserta - Lo scrittore casertano Roberto Saviano e la casa editrice Mondadori sono stati condannati per plagio. Dovranno pagare una multa di 60mila euro, risarcimento per danni patrimoniali e non, ai quotidiani locali "Cronache di Napoli" e...

130503_saviano

Lo scrittore casertano Roberto Saviano e la casa editrice Mondadori sono stati condannati per plagio. Dovranno pagare una multa di 60mila euro, risarcimento per danni patrimoniali e non, ai quotidiani locali "Cronache di Napoli" e "Corriere di Caserta". Secondo i giudici, invece, Saviano avrebbe "illecitamente riprodotto", ovvero copiato, tre articoli di Cronache di Napoli nel suo best seller "Gomorra".
Ecco come ha reagito Saviano alla notizia della sentenza sul proprio profilo facebook: "In questi lunghi anni sotto scorta, nel corso dei quali ho affrontato molti attacchi, quel che in assoluto più mi ha ferito sono state le accuse di plagio, perché ho sempre scritto e lavorato ai miei articoli e ai miei libri personalmente e con dedizione. Ho sempre cercato fonti e notizie ovunque le trovassi. Ho sempre voluto come prima cosa accertarmi che quanto stessi raccontando fosse vero, provato, verificato. Ecco perché voglio informare la folta comunità di Facebook, i miei amici virtuali, di un processo che va avanti dal 2008. Quell'anno al Festivaletteratura di Mantova raccontai la grammatica di alcuni quotidiani in terra di camorra – o come dicono molti "in terra di Gomorra" – una comunicazione agghiacciante, di cui poi ho parlato in uno speciale di Che tempo che fa. Immediata arriva la citazione in giudizio da parte dell'editore dei quotidiani di cui avevo parlato. Non mi accusavano di averli diffamati, ma di aver totalmente copiato Gomorra. Quando si racconta ciò che accade nel medesimo territorio, è sempre possibile dire: "L'avevo scritto prima io". Ora, per Libra Editrice – la società che pubblica "Cronache di Napoli" e il "Corriere di Caserta", il cui vecchio editore, Maurizio Clemente, è stato già condannato a otto anni e mezzo di reclusione per estorsione a mezzo stampa – Gomorra era interamente tratto dai loro quotidiani. Il Tribunale, nella sentenza di primo grado, ha rigettato le loro accuse, condannandoli anzi al risarcimento di danni: hanno loro "abusivamente riprodotto" due miei articoli. Naturalmente hanno fatto ricorso in Appello e la loro condanna è stata confermata. I giudici hanno poi ritenuto che due passaggi del mio libro avrebbero come fonte due articoli dei quotidiani di Libra. Neanche due pagine su un totale di 331. Ricorrerò in Cassazione. Anche se si tratta dello 0,6% del mio libro, non voglio che nulla mi leghi a questi giornali: difenderò il mio lavoro e i sacrifici che ha comportato per me e per le persone a me vicine".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Cittadini minacciati 'porta a porta': così il clan fa campagna elettorale

  • Cronaca

    Ucciso in auto, la doppia pista per trovare il killer

  • Cronaca

    E’ morto don Nicola Di Muro: un pezzo di storia se ne va nel giorno di San Simmaco

  • Cronaca

    Concorsi truccati, un indagato: “Con 25mila euro potevo far fare la prova ad un’altra persona”

I più letti della settimana

  • Latitante scovato dalla Mobile: fermato in auto con un familiare

  • Un morto e due feriti dopo lo schianto frontale | FOTO

  • ALLERTA METEO I sindaci cedono: ecco dove sono chiuse le scuole

  • ADDIO GAETANO Il boy-scout che conquistava tutti col sorriso

  • Schianto nella notte, la verità sulla morte di Gaetano ripresa dalle telecamere

  • Schianto mortale, la vittima è un ragazzo di 20 anni

Torna su
CasertaNews è in caricamento