Campo estivo: ecco perché è un'esperienza che i vostri figli devono assolutamente fare

il campo estivo è un’occasione di svago, di gioco e di relazione che prepara  sia i bambini che i ragazzi alla vita sociale; un posto dove si sperimentano le proprie capacità di adattamento e dove si ha modo di confrontarsi con gli altri.

"La scuola è finita!" è la frase che milioni di studenti stanno aspettando da mesi e con essa anche l’ultimo squillo della campanella che chiuderà in modo ufficiale, sabato 8 giugno, l’anno scolastico 2018/2019. Le vacanze sono sempre più vicine, insomma, anche se molti studenti, si sa, abbandoneranno la scuola molto prima di questa data: chi a fine maggio chi, invece, sta pensando di resistere fino alla festività del 2 giugno.

È vero, le vacanze  sono pensate per stare in famiglia, per godersi un po’ di relax, viaggiare, giocare, stare in compagnia degli amici più cari e soprattutto divertirsi, ma non tutti hanno la possibilità di stare a casa per gli interi quattro mesi, in modo particolare quei bambini figli di genitori entrambi lavoratori che potranno trovarsi da soli e senza una figura che li supervisioni. 

Ecco perché si sceglie per loro un’altra esperienza sia formativa che di divertimento, il campo estivo, un’occasione di svago, di gioco e di relazione che prepara  sia i bambini che i ragazzi alla vita sociale; un posto dove si sperimentano le proprie capacità di adattamento e dove si ha modo di confrontarsi con gli altri.

Conoscere se stessi attraverso le attività sportive, i giochi di squadra, la pittura, i laboratori creativi, il teatro e tanto altro ancora, non è più divertente e stimolante che passare ore ed ore a casa sul divano a guardare la Tv o a giocare con il tablet  e il cellulare, magari anche da soli?

Non ne trarranno benefici da questa esperienza solo i bambini o i ragazzi, infatti per i più giovani, ci sono diverse associazioni di volontariato o agenzie di animazione pronte ad ingaggiare personale anche giovanissimo! Non c’è una precisa età per iscriversi ad un campo estivo, anche se, stando ai consigli della pedagogista Daniela Petriglieri, l’età migliore per il primo campo è 6-7 anni, poiché la maggior parte dei bambini, avendo frequentato il primo anno di scuola primaria, hanno già avuto il primo distacco dai genitori e hanno imparato a sottostare alle regole principali.

Ogni campo estivo, a seconda degli orari e delle attività che propone, ha dei costi diversi, ma è siuramenete un investimento che vale assolutamente la pena fare: meglio risparmiare su altre cose come non comprare ai figli lo smartphone di ultima generazione e regalare loro questa opportunità di formazione e di crescita personale che sicuramente resterà un ricordo indimenticabile per tutta la loro vita.

Campi estivi a Caserta

Di seguito alcune proposte di campi estivi organizzati quest’estate a Caserta, dove potreste iscrivere i vostri figli oppure,  se più grandicelli, farli proporre  come animatori o volontari.  

Summer Camp - Parco Caserta Sport Village

Coni Edu Camp Caserta

Il  Campus Real Sito Caserta

Estate Salesiana – Oratorio Caserta

Centro Frassati

Ovviamente sono tanti e diversi i campi estivi che hanno organizzato anche nei più piccoli paesi di provincia. Per saperne di più basata rivolgersi alle varie ludoteche o asili privati della vostra zona di residenza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Università: in Italia niente più ingegneri, architetti, scienziati e statisti

  • Prestigioso riconoscimento europeo per gli alunni della Mazzocchi

  • Roberto Vecchioni a Caserta ospite del liceo Manzoni

  • L’Istituto Alessio Simmaco Mazzocchi in visita al Parlamento Europeo

  • La testimonianza della 'mamma coraggio' commuove gli studenti del "Santagata"

  • Riapre 'a metà' la scuola colpita dal fulmine

Torna su
CasertaNews è in caricamento