Il ‘Parete Art Museum’ riapre dopo i mesi di lockdown con "Presenze Contemporanee"

Dopo mesi di chiusura a causa dell’emergenza coronavirus, il Parete Art Museum riapre i suoi spazi al pubblico con la rassegna di arte e cultura dal titolo "Presenze Contemporanee". Arrivata alla sua terza edizione, la rassegna quest'anno compie un significativo salto di inclusione e apertura inserendo, nei suoi orizzonti, campi disciplinari attigui, perseguendo con tenacia e passione l’ambizioso obiettivo di diventare un appuntamento costante nel panorama italiano e internazionale per la promozione e la discussione sul senso dell’arte e del fare arte oggi.

Per l’edizione 2020 la rassegna prevede due sezioni di arte e design “aperte” a contaminazioni e sinergie con altri ambiti e discipline, in un sottile scambio di appartenenza e prossimità. Le sezioni sono curate rispettivamente da Paolo Feroce per l’arte e da Roberto Monte per il design. Da un corpo espositivo canonico di presenza al piano nobile del Palazzo Ducale con le collezioni pittoriche alle pareti, le stanze vedranno il loro spazio centrale occupato da istallazioni tematiche di design aperte a dialoghi con la letteratura, il teatro, la fotografia, la musica. La rassegna avrà un open-lab dedicato ad artisti emergenti e prevede, nell’arco temporale della sua durata, talk e performance in un’ottica di interlocuzione con le realtà locali mediante workshop e laboratori dedicati atti a costruire legami di collaborazione con il territorio.

La sezione di design, articolata in diversi frame, a cura di Roberto Monte, avrà come tema il paesaggio, in continuità con le linee programmatiche del museo e nell’ambito di un filone di indagine e ricerca su temi di sostenibilità ambientale e sociale. Il tema del paesaggio, quanto mai attuale, sarà affrontato nel suo significato più ampio e inclusivo: il paesaggio antropizzato, urbano e rurale, il paesaggio naturale, intimo, personale ma anche inedito, virtuali e digitale. In esposizione per la sezione design (primo frame), dal 27 giugno al 15 agosto, "Paesaggio come Passaggio": Loredana SalzanoMatteo di Ciommo; Antilia Gallery; Gumdesign; Roberto Monte; Gaetano di Gregorio. In esposizione per la sezione pittura, "Passaggi Introspettivi": Paolo Repetto; Tina Sgrò; Nina Esposito; Gennaro Santaniello; Antonio Diana; Dora Romano; Sebastian De Gobbis; Carmelo Vincente Rossi; Francesco Zafferino; Raffaele Canoro; Luisa Russo; Sabrina Milazzo; Carlo D’Angiolella e Costantino Di Rienzo.

In quest’ottica di confronto tra ricerche artistiche e presenze generazionali, la terza edizione di "Presenze Contemporanee" sancisce la sintonia di intenti tra l’associazione eXclusive, ideatrice della rassegna, e il Parete Art Museum che ha già ospitato l’edizione 2019 di Presenze Contemporanee in occasione della apertura del museo paretano.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Il ‘Parete Art Museum’ riapre dopo i mesi di lockdown con "Presenze Contemporanee"

    • dal 27 giugno al 15 agosto 2020
    • Parete Art Museum

I più visti

  • Visite notturne al Belvedere di San Leucio

    • dal 3 al 4 luglio 2020
    • Belvedere di San Leucio
  • Il ‘Parete Art Museum’ riapre dopo i mesi di lockdown con "Presenze Contemporanee"

    • dal 27 giugno al 15 agosto 2020
    • Parete Art Museum
  • Matrimoni, open day a Villa Gemma per la ripartenza

    • oggi e domani
    • dal 4 al 5 luglio 2020
    • Villa Gemma
  • Raiz, Servillo e Bosso per il festival all'Arena Spartacus

    • dal 9 luglio al 15 settembre 2020
    • Arena Spartacus - Amico Bio
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    CasertaNews è in caricamento