Crocefisso nelle aule, Beneduce: 'Che i cristiani alzino la voce'

Napoli - "Viviamo un periodo difficile in cui i valori più profondi della fede, vengono messi in discussione tanto che ci si interroga se togliere o meno il crocifisso dalle aule scolastiche". Lo aveva affermato lo scorso 23 ottobre la dottoressa...

"Viviamo un periodo difficile in cui i valori più profondi della fede, vengono messi in discussione tanto che ci si interroga se togliere o meno il crocifisso dalle aule scolastiche". Lo aveva affermato lo scorso 23 ottobre la dottoressa Flora Beneduce nella basilica di Santa Restituta al Duomo, nel corso della presentazione del libro su santa Caterina Volpicelli. L'intervento ripreso anche dal periodico cristiano Nuova Stagione, a distanza di due settimane acquista un significato ancora più forte e le sue parole di esortazione all'impegno per far crescere la nostra società da parte di chi si sente profondamente cristiano, risultano ancora più attuali alla luce della sentenza della corte Europea che vieta l'esposizione del Crocefisso nelle aule scolastiche.
"Siamo al paradosso - afferma con forza la dottoressa Beneduce - Il crocifisso non ha mai fatto male a nessuno e meno che mai limitato la mia libertà religiosa, siamo tutti cresciuti con un crocifisso appeso in classe o a casa. I cristiani devono alzare alta la voce e rivendicare la propria libertà di essere cattolici".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Al di là del credo religioso, il crocefisso rappresenta un profondo valore culturale per un Paese come il nostro che ha rappresentato nei secoli la culla del cristianesimo. E' il simbolo della tolleranza, del dolore, della fratellanza, del sacrificio dell'altruismo della donazione, tutti sentimenti validi anche in comunità profondamente laiche.
"La corte Europea non può decidere sui sentimenti, il Crocefisso è un simbolo ecumenico di un uomo che si è dato per tutti. - conclude la dottoressa Beneduce - Con grande fermezza continuiamo a tenere il Crocifisso nelle aule".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zagaria intercettato in carcere dopo aver chiesto una detenzione 'più soft' al capo del Dap

  • Schianto frontale tra due auto, conducenti gravi in ospedale | FOTO

  • Cena finisce in tragedia: uccide l’amico con una coltellata al petto

  • Va a caccia col porto d'armi scaduto, condanna "mini" per 67enne

  • Mamma uccisa, il coltello comprato da Eduardo pochi giorni prima

  • Pensioni minime a 1000 euro. De Luca: "Una giornata storica"

Torna su
CasertaNews è in caricamento