Tutto pronto per la Festa della Tammorra di Carinaro

Magia e superstizione, curiosi intrecci tra sacro e profano, musica del popolo e ballate di briganti: tre giorni di tammurriate quelli in programma a Carinaro per la quattordicesima edizione della Festa della Tammorra, in programma da venerdì 7 a domenica 9 giugno presso piazza Trieste.

Come una nave spinta dai venti della storia e da quelli del mito della musica popolare, la Festa della Tammorra ritorna ad incantare il cuore del paese, stimando anche quest’anno un grande afflusso di turisti e appassionati di tammorre. La kermesse, che rientra nel programma regionale di eventi per la promozione turistica e la valorizzazione culturale dei territori, promosso dalla Regione Campania e da Campania Turismo, vede tra i partner anche Jesce Sole, da sempre impegnata nella comunicazione e organizzazione di eventi culturali nel territorio campano.

Si parte venerdì 7 giugno alle 20.30 quando ad aprire le danze, con la presentazione di Cosimo Alberti, saranno i ViaNova band, a seguire la Scuola di tarantella di Montemarano, Romeo Barbaro e il sound dei Suddaria. A dare il via alla seconda serata della rassegna sarà Ambrogio Sparagna, musicista ed etnomusicologo italiano, autore di numerosi saggi e pubblicazioni sulla musica popolare. Si prosegue con I Vico e la piccola orchestra della tammorra. Ospite attesissimo della serata anche Carlo Faiello, cantautore e compositore. A calare il sipario sulla kermesse, domenica 9 giugno, saranno gli Alla Bua, che porteranno in scena le contaminazioni più tradizionali della cultura musicale salentina. A chiudere la tre giorni sarà il Re della tammorra, Marcello Colasurdo, cantore moderno delle antiche tradizioni popolari, umane, culturali ed emotive, di Napoli e della Campania.

Non mancheranno stand enogastronomici grazie ai quali si potrà degustare l’immancabile piatto tipico della zona, ovvero, la ‘’cianfotta’’ di verdure, un classico intramontabile realizzato con i prodotti freschi dell’orto. "Sono felice di contribuire alla promozione e al rilancio dei valori della nostra comunità – ha spiegato il sindaco di Carinaro, Nicola Affinito – la riscoperta delle tradizioni agricole legate ad un popolo che aveva nella famiglia il suo punto cardine. Attraverso i canti e i balli popolari si rivivono quei momenti felici e di festa che un tempo sugellavano un buon raccolto o una buona annata. La festa della tammorra a Carinaro è molto di più di una semplice kermesse, si tratta di una manifestazione che coinvolge l’intero agro aversano e diversi comuni del napoletano e per noi tutto questo è motivo di vanto e di orgoglio".

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • La banda dei vigili del fuoco in concerto per le vittime di Alessandria

    • 17 dicembre 2019
    • Teatro Comunale Parravano
  • Dalla classica al gospel: 5 concerti nel Palazzo Vescovile

    • Gratis
    • dal 1 al 27 dicembre 2019
    • Sala Concerti del Palazzo Vescovile
  • Concorso Cimarosa, il gala di premiazione a San Francesco

    • solo domani
    • 13 dicembre 2019

I più visti

  • "Natale a Carditello", carrozze e mongolfiere nella Reggia dei Borbone

    • dal 6 dicembre 2019 al 6 gennaio 2020
    • Reggia di Carditello
  • Dopo più di 10 anni le tombe sannitiche della Reggia riaprono al pubblico

    • da domani
    • dal 12 al 29 dicembre 2019
    • Reggia di Caserta
  • Natale ad Aversa, oltre 50 eventi per un mese di festa

    • Gratis
    • dal 7 dicembre 2019 al 5 gennaio 2020
  • Un Natale magico a Fontegreca tra mercatini, luminarie e presepe vivente

    • Gratis
    • dal 21 al 29 dicembre 2019
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    CasertaNews è in caricamento