Jabil, sospesi i 350 licenziamenti. Il fedelissimo di Di Maio: "Pronti ad un nuovo vertice al Ministero"

Nuovi spiragli nella trattativa tra azienda e sindacati

I lavoratori della Jabil davanti la sede di Confindustria Caserta

“La decisione presa oggi dall’azienda di sospendere la procedura di licenziamento collettivo per i 350 lavoratori del sito di Marcianise è una notizia positiva che era stata fortemente auspicata dal Ministero già nella riunione del 27 giugno scorso”. 

È quanto dichiara il vice capo di gabinetto del Ministero dello Sviluppo Economico Giorgio Sorial, fedelissimo di Luigi Di Maio che sta seguendo per conto del leader del Movimento 5 Stelle la vertenza Jabil. Nell’incontro di giovedì sindacati e vertici della multinazionale americana hanno riaperto il dialogo, con qualche spiraglio per la cancellazione definitiva dei licenziamenti.

Fondamentale per i sindacati, come precondizioni per trattare un nuovo accordo, oltra al procrastino della procedura di licenziamento collettivo e la proroga della cassa integrazione in scadenza a settembre.

“Si tratta - ha aggiunto Sorial - di un passo in avanti nella ripresa del dialogo tra le parti, al fine di fronteggiare la crisi sociale e salvaguardare i lavoratori della Jabil. Il Ministero è disponibile a riconvocare il tavolo al termine del percorso che proseguirà in sede locale per verificare le possibili soluzioni che saranno individuate tra le parti”.

Il prossimo appuntamento in programma tra le parti è fissato il 22 luglio presso la sede di Confindustria Caserta per affrontare tutte le soluzioni utili per scongiurare i licenziamenti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolta sulla provinciale: morta studentessa 24enne | LE FOTO

  • Dramma all'alba, muore noto avvocato

  • Il tesoro del killer dei Casalesi: in 11 rischiano la condanna

  • Gas dei Casalesi, 4 pentiti provano ad inchiodare i manager della Coop

  • Sequestrati 200 kg di prodotti in un bar-pasticceria

  • Sacerdote litiga coi fedeli e abbandona la messa

Torna su
CasertaNews è in caricamento