Licenziamenti alla Jabil, bufera sulla ministra. "Ha gettato la spugna"

La rabbia di Apertino (Cisl) che lancia un appello al premier Conte

"Il silenzio assordante di questi giorni da parte del Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo e dei sottosegretari presenti al tavolo della trattativa con Jabil la scorsa settimana è un chiaro segnale che hanno gettato la spugna ed abbandonato definitivamente i lavoratori al proprio destino. Dopo la rottura delle trattative con la multinazionale Jabil lunedì notte, il ministro Catalfo ci aveva detto che il giorno successivo avrebbe convocato il Cda di Jabil poiché intollerabile offendere in quel modo le istituzioni italiane, ignorando le leggi". Lo dichiara Raffaele Apetino, segretario generale Fim Cisl Campania. "Siamo ancora in attesa. Sono passati 4 giorni ma quella convocazione non é mai arrivata. Noi pero' non molliamo e non lasciamo sole le lavoratrici e i lavoratori della Jabil di Marcianise. Continuiamo ad essere al loro fianco fino a quando non si troverà una soluzione. Ministro e governo, forse non hanno chiara l'entità di questa vertenza in una zona con un alto tasso di disoccupazione come l'Agro aversano e dove ogni posto di lavoro rappresenta un'argine alla criminalità organizzata. Siamo davanti ad una vertenza drammatica che interessa, non solo 190 lavoratori ma anche tutti i 540 lavoratori in forza nel sito casertano di Marcianise che dal 25 maggio scorso sono sprovvisti di tutti gli ammortizzatori sociali che gli consentivano di avere il reddito minimo per sopravvivere. Stiamo parlando di 540 lavoratori con le loro famiglie che non possono essere trattate in questo modo scellerato da parte dell'azienda, che ignora le leggi italiane. Un governo che si rispetti non si lascia prendere in giro in questo modo da una multinazionale, tra l'altro, in un contesto sociale ed economico sempre più complesso con la pandemia che ha ulteriormente compromesso la situazione. Dopo il fallimento del Ministro del Lavoro, ora chiediamo al premier Conte d'intervenire con un'azione immediata, concreta e risolutiva nei confronti di Jabil. L'azienda deve immediatamente ritirare i licenziamenti e sedersi al tavolo negoziale per trovare una soluzione che ricollochi e dia prospettive occupazionali a tutti i lavoratori e alle loro famiglie", conclude.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Casa del sesso in centro, arrestata latitante internazionale

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento