Jabil, si riapre il dialogo. Incentivi all'esodo e piano di reindustrializzazione

Si apre uno spiraglio nella trattativa dopo il vertice in Confindustria

Dopo quasi un mese di sciopero si riapre il dialogo con l'azienda

Quasi un mese dopo l'inizio della tensione, la Jabil ed i sindacati tornano a dialogare e si apre qualche spiraglio per i dipendenti dello stabilimento di Maricanise a rischio licenziamento.

L'azienda, rappresentata al tavolo di Confindustria a Caserta, da Clemente Cillo, Antonio Palumbo e Marco De Stasio, si è dichiarata disponibile a valutare eventuali richiesta da parte dei dipendenti sugli incentivi all'esodo e sulla reindustrializzazione.

Saranno calendarizzati incontri, a partire da lunedì 22 luglio, in cui azienda e sindacato discuteranno il piano industriale e le misure alternative ai licenziamenti.

Nel frattempo il sindacato ha richiesto, come precondizione, il procrastino della procedura di licenziamento collettivo (in 350 rischiano di andare a casa). E' stata chiesta anche la proroga della cassa integrazione che scade a settembre.

Le parti hanno deciso che al termine del dialogo che verrà aperto nei prossimi giorni, il nuovo accordo dovrà essere poi ratificato in un tavolo al Ministero per lo Sviluppo Economico.

Potrebbe interessarti

  • Pericolo topi: ecco come scacciarli dalle vostre case

  • Vetri puliti e splendenti: i 5 consigli da seguire per un risultato assicurato

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

  • Budget finito, ora tutte le analisi e le visite mediche saranno a pagamento

I più letti della settimana

  • Muore dopo lo schianto in autostrada al rientro dalle vacanze

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • "Il pentito è nemico del clan", annullata la libertà vigilata

  • FORZA LUCREZIA Amici e familiari in preghiera per la 24enne

  • Schianto in moto, infermiere in prognosi riservata

  • TERREMOTO Lieve scossa nel casertano

Torna su
CasertaNews è in caricamento