Reddito di cittadinanza, Caserta sul podio per l’importo più ‘ricco’

Solo Palermo e Napoli fanno meglio: in Terra di lavoro 580 euro per beneficiario

Un reddito di cittadinanza ‘ricco’ per i nuclei della provincia di Caserta che sono riusciti ad ottenere la misura di sostegno al reddito e di reinserimento lavorativo. I dati emergono dall’Osservatorio statistico sul Reddito/Pensione di Cittadinanza in base alle domande trasmesse dai Caf, Patronati e Poste Italiane. 

Al 17 luglio 2019, a livello nazionale, risultano pervenute all’Inps 1,4 milioni di domande di cui 905 mila sono state accolte, 104 mila sono in lavorazione e 387 mila sono state respinte o cancellate.

La regione con il maggior numero di nuclei percettori di Reddito/Pensione di Cittadinanza è la Campania (19% delle prestazioni erogate), seguita dalla Sicilia (17%), dal Lazio e dalla Puglia (9%); nelle quattro regioni citate risiede il 54% dei nuclei beneficiari. 

reddito cittadinanza-3

Il dato più interessante per i casertani riguarda proprio la consistenza del reddito di cittadinanza: in Terra di lavoro infatti l’importo medio mensile è di 580,55 euro, una cifra che viene superata solo in provincia di Palermo (622,14 euro) e Napoli (619,50 euro). Inoltre in provincia di Caserta sono 27.921 i nuclei coinvolti nel RdC, per un totale di 80.871 persone.

Potrebbe interessarti

  • Buco nel pavimento del pronto soccorso, donna cade e si fa male

  • Pericolo topi: ecco come scacciarli dalle vostre case

  • Budget finito, ora tutte le analisi e le visite mediche saranno a pagamento

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

I più letti della settimana

  • Il casertano brucia di calore: temperature a 50 gradi

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • Muore dopo lo schianto in autostrada al rientro dalle vacanze

  • Le previsioni meteo per Ferragosto nel casertano

  • Schianto in moto, infermiere in prognosi riservata

  • FORZA LUCREZIA Amici e familiari in preghiera per la 24enne

Torna su
CasertaNews è in caricamento