Crisi Interporto, appello a De Luca per salvare 50 famiglie

L'Ugl ha chiesto l'intervento del governatore, cresce il clima di tensione

La protesta dei lavoratori dell'Interporto

Non si profilano schiarite per la situazione dei lavoratori edili di Interporto Sud Europa con la stagnazione dei problemi finanziari di ISE e il mancato avvio dei cantieri di completamento della piattaforma intermodale. La Ugl si era già mossa in anticipo con gli interlocutori istituzionali ottenendo un incontro in Prefettura a Caserta, ma la situazione già insostenibile appare ora al limite della paralisi. 

Venerdì ancora una volta si è registrato un clima di tensione presso i cantieri, con il ricorso ai sanitari per malore da parte di due lavoratori. E’ in questo scenario che il segretario provinciale della Unione Territoriale del Lavoro Ugl Ferdinando Palumbo, unitamente al segretario regionale di categoria Pasquale Brancaccio, ha inviato richiesta al presidente della Regione Campania De Luca di farsi promotore di un tavolo di crisi che possa individuare vie di uscita per la situazione ormai perennemente critica dei lavoratori del bacino Maddaloni-Marcianise. 

“La situazione di forte precarietà in cui si trovano i lavoratori del bacino dell’Interporto Sud Europa di Maddaloni-Marcianise sta vivendo un’evoluzione, se è possibile, ancora più critica a causa delle note vicende dell'ultimo mese”, si legge in una nota del sindacato di Via Vivaldi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La vertenza riguarda oltre cinquanta lavoratori del settore costruzioni che operano nell’area sin dalle sue origini, i quali peregrinando attraverso i molteplici passaggi di cantiere che si sono avvicendati nel tempo non hanno avuto la possibilità di stabilizzare il proprio rapporto di lavoro, nonostante lo occupino da oltre vent’anni. “Auspichiamo che si possa una volta per tutte sbrogliare la matassa - ha commentato Palumbo - e di far finalmente fruttare l’ingente investimento di fondi pubblici stanziati per costruire una importante infrastruttura capace peraltro di fungere da volano occupazionale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Confiscato un tesoro da 22 milioni di euro all'imprenditore 'amico' dei Casalesi

  • Schianto frontale tra due auto, conducenti gravi in ospedale | FOTO

  • Va a caccia col porto d'armi scaduto, condanna "mini" per 67enne

  • Pensioni minime a 1000 euro. De Luca: "Una giornata storica"

  • Tre casertani positivi al tampone per il coronavirus

  • Terrore in corso Giannone, albero della Reggia crolla in strada | FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento