Caso Carratu' approda sulle reti Mediaset

Aversa - E' ormai certa la notizia di un clamoroso servizio sul Centro per disabiligravissimi Simona Carratù di Aversa, che andrà in onda sulle retiMediaset da venerdì 12 Gennaio nellambito del programma Le Storiedi Secondo Voi. La trasmissione...

E' ormai certa la notizia di un clamoroso servizio sul Centro per disabiligravissimi Simona Carratù di Aversa, che andrà in onda sulle retiMediaset da venerdì 12 Gennaio nellambito del programma Le Storiedi Secondo Voi. La trasmissione andrà in onda su Italia Uno alle ore 12:15, conrepliche in serata su Italia Uno e successivamente su Rete 4 e Canale 5. Ilprogramma Le Storie di Secondo Voi, a cura di Giorgio Medail, èdedicato ad inchieste riguardanti i piccoli e grandi temi della vita e dellasocietà italiana. A commentare il gravissimo caso del Centro Carratù di Aversasarà Paolo Del Debbio, giornalista, scrittore e docente di Etica ed Economiaall'università IULM di Milano. Nellambito del servizio sul Carratù siattendono, oltre alle interviste ai genitori dei disabili gravissimi del CentroCarratù, anche le interviste agli ex-dirigenti dellASL CE/2 il Dott.Franco Rotelli e il Dott. Angelo Rigetti che, insieme al Sindaco Ciaramella edal Presidente Claudio Riccio, sono stati i fautori della nascita del Centro perdisabili gravissimi Simona Carratù. La Signora Andreozzi commenta: «Abbiamoincontrato nel mese di Dicembre la dottoressa Cristina Scanu della Redazione delprogramma Le Storie di Secondo voi, quando da Milano una troupe diItalia Uno è venuta ad Aversa per intervistarci. Successivamente la stessadottoressa Cristina Scanu ha intervistato il Dott. Rotelli a Trieste ed il Dott.Righetti che hanno svelato particolari importanti sul Caso Carratù». La lottadei 31 genitori per la sopravvivenza del Centro Carratù è tuttora in corsopresso le varie istituzioni nazionali e sui media. Prosegue la signoraAndreozzi: « Attendiamo che si faccia luce sulla nostra drammatica e ingiustavicenda affinché finalmente i diritti dei nostri figli disabili sianorispettati. Ciò che sta accadendo ai danni dei nostri figli è terribilmenteingiusto. Solo nella Regione Campania si consente a dirigenti di AziendeSanitarie di poter infierire così contro dei disabili indifesi senza rispettarnei diritti sacrosanti. Ma appena la nostra storia sarà nota in tuttItaliala vergogna sarà svelata e giustizia potrà essere fatta».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arrestato il patron della 'Clinica Pineta Grande'

  • Terribile schianto sulla Nola-Villa Literno: due feriti gravi

  • Reddito di cittadinanza, sospiro di sollievo per 100mila beneficiari

  • Bollo, sconto del 10% anche a Caserta: ecco come averlo

  • Non supera il test di Medicina, il giudice ordina all’Università di farle ripetere la prova

  • Svolta dopo l'esplosione nella palazzina: sequestrato l'intero impianto di serbatoi Gpl

Torna su
CasertaNews è in caricamento