Il ‘Premio Strega’ arriva a Casal di Principe

Presentato l’appuntamento che vedrà gli studenti incontrati i 12 scrittori finalisti

La presentazione del 'Premio Strega'

Presentato a Castel Sant’Elmo, nella sala ‘Rosa dei venti’, l’edizione 2019 del Premio Strega. Che quest’anno si terrà a Casal di Principe, nella terra di Don Peppe Diana. Sabato 13 aprile i 12 scrittori candidati al Premio Strega 2019, saranno a Casal di Principe per un confronto con gli studenti delle scuole cittadine. L'incontro si terrà alle 11 nel teatro della Legalità, costruito su un bene confiscato a Francesco Schiavone, “Sandokan”.

“Quando da ragazzo vedevo la fascetta del premio Strega sui libri, pensavo sempre a qualcosa di molto importante. Perciò, ora che il Premio arriva a Casal di Principe, mi sembra tutto un sogno”, così Renato Natale, sindaco di Casal di Principe, che emozionato nella sala dove si tengono i dibattiti più importanti del Salone del libro di Napoli, racconta di un “un evento storico” per la sua città.

Presenti anche Stefano Petrocchi, direttore del Premio Strega, l’editore Diego Guida, vice presidente di “Napoli città libro”, e il giornalista Luigi Ferraiuolo, ideatore di “Transit - scrittori di passaggio”, un progetto culturale che prevede “la fermata” di scrittori noti e meno noti, nella biblioteca comunale di Casal di Principe. Faranno parte della giuria giovanile del Premio Strega anche 10 studenti del Liceo “Segrè” di San Cipriano d’Aversa. A loro toccherà il compito di leggere i 12 romanzi in concorso ed esprimere la preferenza, insieme ad una breve recensione su una piattaforma online.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

Torna su
CasertaNews è in caricamento