Addio al matematico casertano Salvadori

Lo studioso di Maddaloni è stato socio nazionale dell'Accademia dei Lincei

L'Accademia dei Lincei

Il matematico Luigi Salvadori, autore di importanti contributi all'analisi qualitativa di problemi di evoluzione in fisica-matematica, con particolare riguardo alla stabilità e alla biforcazione, è morto a Pisa, dove viveva dal 2013, all'età di 93 anni. L'annuncio della scomparsa è stato dato dalla famiglia all'AdnKronos.

Era nato a Maddaloni il 19 maggio 1925. È stato professore di meccanica razionale nell'università di Catania (1967-69) e successivamente nelle università di Napoli (1969-71), Roma (1971-78) e Trento (1978; dal 2000 professore emerito). Era socio nazionale dell'Accademia dei Lincei dal 1992. È stato inoltre docente dell'Istituto nazionale di alta matematica (1981).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'attività scientifica di Salvadori è stata in prevalenza rivolta all'analisi qualitativa dei problemi di evoluzione in fisica-matematica. Ha studiato la stabilità semplice e asintotica; si è interessato inoltre di problemi connessi al comportamento di un sistema fisico nei casi in cui tanto le condizioni iniziali quanto la stessa equazione di evoluzione sono soggette a perturbazioni. Nell'ambito dei sistemi dinamici perturbati, Salvadori si è specificatamente occupato di problemi di stabilità totale e di biforcazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sequestrata azienda di giardinaggio: alberi uccisi dal punterolo rosso bruciati in un terreno | FOTO

  • Finto contratto da badante per il permesso di soggiorno

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Il pentito: "Carmine Schiavone voleva eliminare gli ultimi rappresentanti dei Bidognetti"

  • Aumentano di nuovo i contagi da coronavirus nel casertano

  • Nervi tesissimi tra cancellieri ed avvocati. La Camera Penale: "Accuse false contro la nostra categoria"

Torna su
CasertaNews è in caricamento