Il capoclan nascosto nella pasticceria per scappare all'arresto

Lo rivelano i pentiti. Santoro non risponde al gip

Il capoclan dei Casalesi Michele Zagaria

Il capo del clan dei Casalesi, Michele Zagaria, nel periodo della latitanza, durata 15 anni, prima dell'arresto avvenuto il 7 dicembre del 2011, "in più occasioni si sarebbe nascosto nel deposito sotto la pasticceria della 'Butterlfly' a Casapesenna". Lo affermano diversi collaboratori di giustizia ed è emerso, questa mattina, nel carcere di Secondigliano, nel corso dell'interrogatorio di Giuseppe Santoro 51 anni di Casapesenna, uno dei titolari di noti punti vendita, nel settore dolciario, arrestato dalla Squadra Mobile di Caserta insieme al socio Pasquale Fontana 46 anni di Casapesenna. Lo riporta l’AdnKronos. Alla presenza del suo avvocato Santoro si è avvalso della facoltà di non rispondere. Secondo le accuse dei pentiti  i due  arrestati sono gravemente indiziati del delitto di associazione per delinquere di tipo mafioso. Inoltre è emerso che tra gli otto indagati c'è pure il padre di uno dei due arrestati responsabili di intestazione fittizia di beni aggravata dal metodo mafioso, in quanto responsabili di essersi intestati pasticcerie riconducibili, in realtà, al clan.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mani massacrate a martellate: un casertano tra i picchiatori del gruppo Contini

  • Cenerentola chiude, l'addio in una lettera: "50 anni bellissimi"

  • Il figlio non torna a casa, papà lo trova con gli amici e accoltella un 16enne

  • Traffico in tilt all'uscita di Caserta Sud

  • Auto esce fuori strada e si schianta contro albero su viale Carlo III I GUARDA LE FOTO

  • Il tesoro del killer dei Casalesi: in 11 rischiano la condanna

Torna su
CasertaNews è in caricamento