Zagaria intercettato in carcere dopo aver chiesto una detenzione 'più soft' al capo del Dap

Lo sfogo del capoclan dei Casalesi raccontato a 'Non è l'Arena'

La posizione di Francesco Basentini, ormai ex capo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria (Dap), dimessosi nelle scorse settimane in seguito alle polemiche per la scarcerazione di boss eccellenti, tra cui Pasquale Zagaria, è stata al centro della puntata di domenica sera di ‘Non è l’Arena’ condotto da Massimo Giletti su La7.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dove sono state mostrate alcune intercettazioni realizzate nel carcere de L’Aquila che riportano dichiarazioni del capoclan dei Casalesi Michele Zagaria. Il quale racconta che avrebbe incontrato Basentini durante una visita in carcere ed a lui avrebbe chiesto la possibilità di socializzare visto che si trovava da 18 mesi in completo isolamento. In realtà, dopo quel collegio, avvenuto nel 2018, è lo stesso Zagaria a lamentarsi che gli sarebbe stato successivamente imposto un regime ancora più duro di detenzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento