Vogliono pagare donna con soldi falsi, lei li denuncia per rapina e violenza sessuale

I due ragazzi furono arrestati, ma il giudice ribalta tutto

Denunciati da una donna per rapina e violenza sessuale, vengono arrestati, ma il giudice ribalta tutto. E’ stata emessa oggi la sentenza a carico di due ragazzi di Aversa che nello scorso mese di giugno furono arrestato con l’accusa di rapina e violenza sessuale ai danni di una donna in via Gramsci. Stando alla denuncia di quest’ultima, i due la avrebbero violentata e poi rapinata di un computer e due collanine (oltre a 5 euro) sotto la minaccia di una pistola. Per questo motivo i ragazzi furono arrestati.

Ma nel corso del processo con rito abbreviato che si è svolto al tribunale di Napoli Nord gli avvocati difensori degli imputati Stefano Orteca, Anna Andreozzi e Massimo Cammisa sono riusciti a ribaltare le accuse. E’ emerso, infatti, che i due ragazzi si erano portati a casa della donna per ricevere una prestazione sessuale dietro pagamento di una somma di denaro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per i due il pubblico ministero aveva chiesto una condanna complessiva a 14 anni e mezzo di carcere oltre alla richiesta del pagamento di una multa ma dopo la camera di consiglio, il gup del Tribunale di Napoli Nord ha emesso sentenza di assoluzione per i due "malcapitati" revocando allo stesso tempo la misura cautelare che ancora gravava su di loro (erano ai domiciliari).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento