Video a sfondo sessuale su Facebook, arrestato 37enne: adescava anche minorenni

Il 37enne era iscritto a diversi gruppi social dove contattava le vittime

Adescava le vittime online, facendosi inviare foto e video a sfondo sessuale: ma la sua “attenzione morbosa” verso gli adolescenti è finita grazie all’intervento della polizia postale che lo ha arrestato. In manette è finito un 37enne della provincia di Bari, ora rinchiuso nel carcere del capoluogo pugliese anche per produzione di materiale pedopornografico e induzione alla prostituzione minorile, oltre che adescamento di minorenni, detenzione di materiale pedopornografico e pornografia minorile.

I ragazzi che sono cascati nella rete sono di Caserta, Napoli, Pescara, L’Aquila, Bari, Taranto e Palermo. L'uomo, che viveva con la famiglia e svolgeva lavori saltuari, era iscritto ad alcuni gruppi social su cui erano presenti anche persone molto giovani. Adescava le sue vittime in modo casuale, facendo complimenti e lasciando commenti positivi ai post. E’ stato accertato che tra i suoi amici su Facebook c'erano molti minorenni. Il 37enne cercava di ottenere la fiducia dei ragazzi, che in alcuni casi gli davano anche il numero di telefono. Spesso inviava sue foto e video a sfondo sessuale, affinché le vittime ricambiassero.

La Polizia ha ricostruito nel complesso un anno e mezzo di conversazioni con minori. L'inchiesta è partita dalla segnalazione di una madre preoccupata da alcuni messaggi ricevuti su messanger dal figlio. In un caso ha tentato anche di organizzare un incontro ‘dal vivo’ ma l’intervento della polizia lo ha bloccato. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientra dalle vacanze e si 'becca' 10mila euro col 'Gratta&Vinci'

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • L'imprenditore pentito accusa la sua rete di prestanome

  • Anatre abbattute a fucilate, beccati i cacciatori abusivi | FOTO

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

Torna su
CasertaNews è in caricamento