Rissa per la vendita del negozio, 4 davanti al giudice

Alla sbarra tre commercianti ed un agente della polizia penitenziaria

La rissa si è verificata a Cervino

La compravendita di un negozio di ortofrutta a Cervino finì in rissa. Per questo motivo sono finite a processo 4 persone, tre commercianti ed un agente della polizia penitenziaria.

Dinanzi al giudice sono finiti G.I., G.P., L.P., questi ultimi due padre e figlio, e C.P. I fatti avvennero nell'ottobre del 2011. Alla base dell'alterco ci fu una trattativa per la vendita dell'attività all'agente della penitenziaria. Trattativa che poi saltò con la restituzione della caparra. E proprio da questo nacque la questione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In aula, dinanzi al giudice monocratico della sezione distaccata di Caserta, stamattina si è presentato uno dei commercianti imputati, intervenuto per difendere il padre durante il litigio. Il ragazzo ha riconosciuto le fotografie del padre dopo la lite con l'agente, in seguito al quale l'uomo si fratturà omero e clavicola. La documentazione fotografica, prodotta dall'avvocato Claudio Pascariello, è stata acquisita dal magistrato che ha rinviato il processo al prossimo 13 febbraio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore il medico Daniele Ferrucci

  • Picchia il vicino due volte in mezza giornata: arrestato 45enne

  • Confiscato un tesoro da 22 milioni di euro all'imprenditore 'amico' dei Casalesi

  • L'ombra dei servizi segreti all'incontro tra Zagaria e l'ex capo del Dap

  • Camorra a Caserta, la moglie del boss comanda durante la detenzione: 7 arresti

  • Camorra a Caserta, accuse via social per prendere il potere: "Infame, te la fai con le guardie"

Torna su
CasertaNews è in caricamento