Racket della pubblicità ed usura, torna libero 48enne

Il giudice ha sostituito gli arresti domiciliari con l'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria

La decisione della Corte d'Appello

Torna libero Michele Mastroianni, 48 anni di Recale, coinvolto in un'inchiesta della Dda sul racket dei gadget pubblicitari e sull'usura ai danni di una ditta di onoranze funebri, reati aggravati dal metodo mafioso.

La sesta sezione della Corte d'Appello di Napoli, presieduta dal giudice Claudia Picciotti, ha accolto l'istanza di scarcerazione presentata dal legale di Mastroianni, l'avvocato Nello Sgambato, e sostituito la misura cautelare degli arresti domiciliari con quella meno afflittiva dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. 

Mastroianni in primo grado era stato condannato alla pena di 3 anni e 2 mesi di reclusione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, i sindaci chiudono le scuole per tutta la settimana

  • Psicosi coronavirus, monitorati altri 2 casi nel casertano. Sono rientrati dal Nord nelle ultime ore

  • Psicosi coronavirus, caso sospetto in ospedale: attivato il protocollo sanitario

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Latitante arrestato in una villetta del casertano, in manette anche un commerciante

  • Sevizie dopo le proposte in chat, la 'sorpresa' su viale Carlo III: ecco come ha agito la baby gang

Torna su
CasertaNews è in caricamento