Racket della pubblicità ed usura, torna libero 48enne

Il giudice ha sostituito gli arresti domiciliari con l'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria

La decisione della Corte d'Appello

Torna libero Michele Mastroianni, 48 anni di Recale, coinvolto in un'inchiesta della Dda sul racket dei gadget pubblicitari e sull'usura ai danni di una ditta di onoranze funebri, reati aggravati dal metodo mafioso.

La sesta sezione della Corte d'Appello di Napoli, presieduta dal giudice Claudia Picciotti, ha accolto l'istanza di scarcerazione presentata dal legale di Mastroianni, l'avvocato Nello Sgambato, e sostituito la misura cautelare degli arresti domiciliari con quella meno afflittiva dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. 

Mastroianni in primo grado era stato condannato alla pena di 3 anni e 2 mesi di reclusione. 

Potrebbe interessarti

  • Buco nel pavimento del pronto soccorso, donna cade e si fa male

  • Pericolo topi: ecco come scacciarli dalle vostre case

  • Budget finito, ora tutte le analisi e le visite mediche saranno a pagamento

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

I più letti della settimana

  • Il casertano brucia di calore: temperature a 50 gradi

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • Le previsioni meteo per Ferragosto nel casertano

  • Schianto in moto, infermiere in prognosi riservata

  • Muore dopo lo schianto in autostrada al rientro dalle vacanze

  • Schianto in autostrada: due km di coda

Torna su
CasertaNews è in caricamento