Un centro Lgbt nel bene confiscato alla camorra

Il Comune ha conferito 5 beni della camorra alle associazioni

Un centro LGBT in un bene confiscato alla camorra. La consegna avverrà nel prossimo consiglio comunale di Castel Volturno, quando l’amministrazione guidata dal sindaco Dimitri Russo “darà le chiavi” dei beni un tempo in mano ai clan alle associazioni che hanno partecipato ad un bando indetto dal Comune.

I progetti, come riferito dall’assessore Rosalba Scafuro, avranno tutti carattere sociale. In particolare i cinque beni saranno destinati a: una comunità alloggio che offrirà residenza protetta ai disabili psichici; appartamenti per minori in difficoltà; centro sociale polifunzionale; la cooperativa Terra Felix per promuovere un modello di sviluppo ambientale locale; il centro LGBT del Mediterraneo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Fare cittadinanza attiva – spiega l’assessore Scafuro - vuol dire portare, come hanno fatto queste associazioni, dei progetti concreti che aiutino la vivibilità del territorio. Mi aspetto altre proposte ed altri progetti per poterli discutere ed eventualmente appoggiarli, e farli diventare fatti concreti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Picchia il vicino due volte in mezza giornata: arrestato 45enne

  • Muore il medico Daniele Ferrucci

  • Confiscato un tesoro da 22 milioni di euro all'imprenditore 'amico' dei Casalesi

  • L'ombra dei servizi segreti all'incontro tra Zagaria e l'ex capo del Dap

  • Schianto frontale tra due auto, conducenti gravi in ospedale | FOTO

  • Camorra a Caserta, la moglie del boss comanda durante la detenzione: 7 arresti

Torna su
CasertaNews è in caricamento