Condannato a 5 anni per truffa, la polizia lo cerca per ore poi lo arresta

Il 40enne è finito in carcere: faceva parte di un'associazione criminale

Ricercato per tutta la giornata, viene arrestato in via Carvaggio ad Aversa. Gli agenti di polizia giudiziaria, diretta dal primo dirigente Vincenzo Gallozzi e dal Commissario Capo Vincenzo Marino, a seguito di intensa attività info-investigativa, hanno tratto in arresto Arturo Tangredi, 40 anni di Aversa, colpito da provvedimento di esecuzione di pene concorrenti con contestuale ordine per la carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica c/o la Corte di Appello di Trento.

Tangredi deve espiare la pena definitiva di 5 anni, 10 mesi e 11 giorni di reclusione poiché condannato per reati associativi finalizzati alla truffa, alla ricettazione e al patrimonio in generale, commessi nel Nord Italia dall’anno 2015 ad oggi.

L'uomo veniva ricercato dai poliziotti in maniera costante fin dalle prime ore del mattino di venerdì per poi essere rintracciato in serata nei pressi di Via Caravaggio ove la Polizia Giudiziaria procedeva materialmente al suo arresto. Terminati gli atti di rito, Tangredi veniva associato al carcere di Santa Maria Capua Vetere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. 

Potrebbe interessarti

  • Un casertano ai mondiali dei parrucchieri a Parigi

  • Frutti rossi ed anguria per combattere le gambe gonfie e pesanti

  • Trucco illuminante: ecco la nuova tecnica e come applicarla

  • Anguria e melone: i frutti dell’estate. Ecco perché mangiarli

I più letti della settimana

  • Pentiti ed arresti non hanno scalfito i Casalesi. Ecco la nuova mappa dei clan nel casertano I FOTO

  • Affiora cadavere in mare, dramma sulla spiaggia

  • Colpo da 'Zara', fermata dai carabinieri con mille euro in vestiti

  • Trovato morto dalla moglie sotto il porticato di casa

  • Arrestato il cassiere dei Casalesi: smantellato il business dei cartelloni pubblicitari

  • Camion 'casertano' si schianta in autostrada e perde il carico | LE FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento