Volontari dell'Associazione Carabinieri in campo dopo il tornado

Notte di lavoro nella zona di Parco Speranzas a San Nicola la Strada per i membri del Nucleo Reggia

I volontari del Nucleo Reggia dell'Associazione Nazionale Carabinieri

Li vediamo spesso a gestire le file per l'accesso alla Reggia di Caserta o aiutare turisti smarriti all'interno del cannocchiale del palazzo vanvitelliano. Un servizio svolto con dedizione e gratuitamente, anche nelle domeniche ed i festivi, con le loro divise rosse e blu. Sono gli uomini dell'Associazione Nazionale Carabinieri, pronti sempre a prestare soccorso e donare un sorriso con immenso impegno e spirito di sacrificio.

Nella serata di lunedì, dopo la furia del tornado che ha travolto la zona a sud di Caserta, i volontari del Nucleo Reggia dell'Associazione Nazionale Carabineri hanno lavorato intensamente in aiuto delle forze dell'ordine e dei mezzi di soccorso. In dodici si sono recati a San Nicola la Strada, nella zona del Parco Speranzas, sia per prestare soccorso ai residenti sia per dare un contributo nella complessa gestione del traffico. Un lavoro encomiabile, svolto fino a notte fonda, che mostra, ancora una volta, lo spirito e l'abnegazione dei membri dell'associazione sempre pronti a dare una mano ai cittadini.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Il vice premier Di Maio testimone in tribunale ad Aversa

  • Cronaca

    Il premier Conte telefona al prof aggredito a scuola

  • Attualità

    La troupe de ‘Le Iene’ negli uffici dell’Asl: arriva la polizia

  • Cronaca

    La droga della camorra. Ore cruciali per 4 indagati

I più letti della settimana

  • Ladri presi a morsi e messi in fuga dal cane da guardia

  • Padre disperato perde il lavoro e va a rubare per far mangiare i figli

  • Ucciso imprenditore casertano: il corpo trovato grazie al Gps

  • Ragazzina ripresa dalle telecamere durante il furto

  • Muore annegato in piscina a 16 anni

  • ADDIO CARLA Monito del sacerdote: "Non dobbiamo giudicare"

Torna su
CasertaNews è in caricamento