Assolto il titolare dello Studio Uno con la moglie

La Corte d'Appello ribalta la sentenza di primo grado: "Il fatto non sussiste". Erano accusati di truffa

Lo Studio Uno

Assolti perchè il fatto non sussiste. La quinta sezione della Corte d'Appello di Napoli ha ribaltato la sentenza di primo grado e prosciolto Eugenio Sorrentino D’Affitto, famoso imprenditore nel settore dell’abbigliamento e fondatore del marchio Matt Davis oltre che titolare dello Studio Uno di Viale Carlo III, e la moglie Maria Aristarco.

I due coniugi erano accusati di truffa nei confronti della società Gmr, che si occupa della lavorazione del marmo. Secondo l'accusa i due avevano stipulato un contratto con una società per la realizzazione di una palazzina a San Marco Evangelista. La società fallì ed i due si rivolsero ad un'altra società, la Gmr, che avrebbe dovuto completare l'opera (circostanza non contrattualizzata) in cambio di due appartamenti. Venne così stipulato un contratto preliminare per l'acquisto con gli acquirenti che avrebbero versato degli assegni per un totale di 65mila euro, con l'impegno a provvedere al definitivo, altri 15mila euro, entro un anno dalla stipula del contratto stesso.

Tuttavia alla scadenza pattuita il definitivo non venne mai portato a termine in quanto i due coniugi avrebbero dovuto provvedere in proprio al completamento dell'opera. Per questo vennero denunciati per truffa, non avendo consegnato i due appartamenti alla società. Accuse per cui il giudice Luciana Crisci, del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, li aveva condannati ad 1 anno e 4 mesi.

Nel corso del processo di Appello, però, i difensori di Sorrentino D'Affitto e Aristarco, gli avvocati Angelo Pignatelli e Marco Alois, sono riusciti a dimostrare come da parte dei loro assistiti non ci sia stata volontà nel perpetrare la truffa. I due sono stati così completamente assolti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile schianto sulla Casilina: grave autista casertano I FOTO

  • Scuole chiuse in provincia di Caserta: ecco i sindaci che hanno già firmato

  • “Un Mose anche per Caserta”. La foto che fa il giro del web

  • Scuole superiori: ecco quali sono le migliori a Caserta e provincia

  • Il narcos casertano si pente e fa tremare la 'Ndrangheta

  • "Ora comando io, paga o ti blocco i carri". Arrestati 2 estorsori

Torna su
CasertaNews è in caricamento