Tetto a rischio crollo, chiuso il Sedile di San Matteo | LE FOTO

I carabinieri inibiscono l'uso dei locali per le lesioni al sottotetto e ai solai

Il Sedile di San Matteo a Sessa Aurunca

Inibizione dell'uso dei locali per il Sedile di San Matteo a Sessa Aurunca. Gravi lesioni del sottotetto e dei solai hanno portato i carabinieri della compagnia di Sessa Aurunca congiuntamente col tecnico comunale Luigi Rafaniello alla chiusura dell'immobile comunale fino al ripristino delle condizioni minime di sicurezza. Già nel mese di gennaio la sede che ospita il circolo reduci e combattenti e la Pro Loco era stato interdetto dai vigili del fuoco per il distacco della pluviale e la caduta di calcinacci in tufo a ridosso tra la struttura comunale ed una privata limitrofa grazie alla quale si può accedere al sottotetto del Sedile.

La causa delle lesioni era da attribuire alle infiltrazioni d'acqua piovana già nel gennaio scorso causate da un malfunzionamento della pluviale. In quella occasione venne inibito l'uso dei locali al pubblico. Solo nel mese di luglio venne sostituita la pluviale senza però 'riparare' le lesioni precedenti. L'unico cantiere che è stato disposto é per la struttura privata della Sasso srl adiacente al Sedile di San Matteo ancora in corso d'opera per via di un cornicione pericolante la cui messa in sicurezza venne disposta dai caschi rossi già a gennaio. Nel frattempo il Sedile di San Matteo fino all'attuale chiusura era liberamente accessibile al pubblico dove la 'sicurezza' per i cittadini sembra essere un dettaglio di poco conto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arrestato il patron della 'Clinica Pineta Grande'

  • Bollo auto, quando pagarlo e come ottenere la riduzione nel 2020

  • Terribile schianto sulla Nola-Villa Literno: due feriti gravi

  • Non supera il test di Medicina, il giudice ordina all’Università di farle ripetere la prova

  • Il business della monnezza dei Casalesi, la Dia: "Veleni nell'acqua e nelle strade"

  • Mazzette ai politici per gli appalti alla camorra, Zagaria è un fiume in piena

Torna su
CasertaNews è in caricamento