Accoltellato dal ‘rivale’, arrestato parcheggiatore abusivo

La vittima in ospedale: l’aggressore è un “collega”

Hanno litigato per la gestione del parcheggio abusivo in via Duomo fino ad arrivare ad una vera e proprio aggressione fisica con tanto di coltello. Ed oggi la vittima, Franco F., 41 anni di Santa Maria Capua Vetere, si può ritenere un miracolato, mentre l’aggressore è stato arrestato dagli agenti del commissariato di Santa Maria Capua Vetere guidati dal dirigente Luigi Del Gaudio. Agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico è finito Ciro Borrielo, 37 anni, originario di Torre del Greco.

I fatti sono accaduti il 20 settembre scorso, quando la vittima fu aggredita in via Roma nei pressi del bar Kenya. Gli agenti, allertati da una segnalazione giunta alla centrale operativa, si portavano nei pressi del locale in quanto era stata segnalata una persona con vistose ferite al braccio. Una volta sul posto gli agenti accertavano che il ferito era stato trasportato da un avventore al pronto soccorso dell’ospedale di Santa Maria Capua Vetere. Il ferito, immediatamente sentito in merito ai fatti accaduti, riferiva di di essere stato vittima di una aggressione da parte di un suo conoscente, Ciro Borriello, il quale, in seguito ad una lite scaturita per futili motivi legati alla gestione del parcheggio dinanzi a via Duomo, lo aveva colpito più volte ed in diverse parti del corpo con un grosso coltello. 

La vittima, nella ricostruzione dei fatti, specificava che Borriello aveva tentato di colpirlo al volto con il coltello e solo grazie al gesto istintivo di coprirsi il capo con il braccio scongiurava il peggio. Nel corso della ricostruzione dell’evento emergeva “la ferocia e la rapidità” con la quale Borriello portava assegno una pluralità di colpi tali da non poter consentire alla vittima un benché minimo accenno di reazione se non quello di una difesa passiva: l’aggressione terminava solo quando la vittima si accasciava a terra, mentre Borriello si dava alla fuga rendendosi irreperibile. 

Nel corso delle indagini poste in essere nell’immediatezza dei fatti permettevano di rinvenire nei pressi del luogo, teatro dell’evento,mun grosso coltello debitamente posto a sequestro. Il ferito è stato ricoverato presso la struttura ospedaliera con un prognosi di 30 giorni per ferite da taglio all’avambraccio sinistro con compromissione neuro vascolare e ferite da taglio al fianco sinistro ed alla regione scapolare sinistra. 

L’ordinanza restrittiva (firmata dal gip Enea) è stata eseguita nella mattinata di venerdì dal personale della squadra investigativa che lo hanno rintracciato presso la sua abitazione e condotto negli uffici del commissariato per le incombenze di rito, dopo di che è stato tradotto presso la propria abitazione al regime degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico.

Potrebbe interessarti

  • Bevanda disintossicante e sgonfiante: la ricetta per ridurre il girovita

  • Stirare d'estate è una tortura? Ecco come evitare il ferro da stiro e avere abiti perfetti

  • Caiazzo diventa set per la fiction ‘Un posto al sole’ I FOTO

  • Camminare a passo veloce: tutti i motivi per iniziare subito

I più letti della settimana

  • Schianto sull'Asse Mediano, muore motocicilista

  • Schianto in autostrada, automobilisti 'intrappolati' da un'ora

  • Agguato con la pistola contro tre persone, arrestato dopo il blitz in casa

  • Allarme furti, cittadini barricati in casa nonostante il caldo

  • Muore a 24 anni: comunità sconvolta

  • Superenalotto, sfiorato il jackpot più alto del mondo: vincita record nel casertano

Torna su
CasertaNews è in caricamento