Violenza sessuale in stazione e tentata estorsione, sentenza per due

Sono stati giudicati col rito abbreviato

Cadono le accuse di violenza sessuale, condanna ridotta per due ragazzi di Caserta. I fatti sono accaduti il 9 maggio 2018: gli agenti della Squadra mobile di Caserta intervenivano presso la stazione ferroviaria di Caserta, a seguito di una segnalazione di una donna straniera in difficoltà che, in lacrime, raccontava di essere stata vittima di rapina e violenza sessuale ad opera di due giovani, i quali, dapprima si avevano approfittato di lei palpeggiandole le parti intime e successivamente si erano impossessandosi del telefono cellulare e della somma di 195 euro che la stessa custodiva tra le mani. I due si erano quindi dati alla fuga, abbandonando il cellulare sul binario. La donna si metteva, poi, all’inseguimento dei due rapinatori raggiungendo uno di loro, M.C., il quale, vistosi raggiunto, l’aveva colpita con un calcio alla pancia rivolgendole frasi minacciose. Alla luce della ricostruzione operata dalla Procura, il difensore del ragazzo, l’avvocato Pierluigi Grassi, chiedeva di procedersi nelle forme del giudizio abbreviato. Nel corso della discussione, la difesa poneva quindi l’accento sulle numerose discrasie che inevitabilmente emergevano nella ricostruzione dei fatti narrati dalla vittima, illustrando con appositi frame, le immagini di videosorveglianza riprese all’interno della stazione di Caserta. In particolare, la ricostruzione della donna, riguardo il presunto inseguimento dei due sconosciuti ad opera della stessa, non trova riscontro alcuno, così come incongruenze emergevano con il referto medico eseguito immediatamente dopo i fatti oggetto di denuncia. Il pubblico ministero, nella sua requisitoria, chiedeva emettersi una condanna di 6 anni per B.B., e  5 anni per M.C., in considerazione anche dell’ulteriore episodio commesso ai danni di A.M. e consistenti nel tentativo di estorsione per l’acquisto di sostanza stupefacente. All’esito della camera di consiglio, il Giudice per le indagini preliminari, Sergio Enea, assolveva entrambi gli imputati dall’accusa di rapina ai danni della cittadina Ucraina, ed in relazione alle minacce perpetrate ai danni di A.M. perché il fatto non sussiste, condannando i due alla pena residua di 3 anni e 6 mesi B.B., e 2 anni e 2 mesi M.C., per l’estorsione tentata ai danni di A.M. Giusta la soddisfazione della difesa che ha visto riconoscere la propria linea difensiva, nonostante la gravità dei fatti in contestazione e la risonanza mediatica della notizia al momento dell’arresto dei due imputati.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientra dalle vacanze e si 'becca' 10mila euro col 'Gratta&Vinci'

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • L'imprenditore pentito accusa la sua rete di prestanome

  • Anatre abbattute a fucilate, beccati i cacciatori abusivi | FOTO

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

Torna su
CasertaNews è in caricamento