Tassa sui loculi: 2 consiglieri non firmano la mozione

Presentata istanza di revoca al Consiglio Comunale

I consiglieri comunali Domenico Guida e Donato Tenga

La tassa "condominiale" da 8 euro sui loculi delle cappelle private e delle edicole funerarie finisce in Consiglio Comunale. I consiglieri Domenico Maietta, Lorenzo Gentile, Filippo Mazzarella, Mario Russo e Liliana Trovato, dei gruppi consiliari Democratici per Caserta e Terra Libera, hanno protocollato stamattina un'istanza al presidente del Consiglio Michele De Florio chiedendo la revoca della delibera di giunta comunale 71 del 2014, applicata dal dirigente Franco Biondi che ha avviato le procedure per il recupero delle somme.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel documento è stato sottolineato come il balzello "odioso" mal è sopportato dalla cittadinanza per "le raccapriccianti condizioni in cui versano alcuni ambiti sia del cimitero collinare (di Casola nda) sia quello maggiore". Di certo non è passata inosservata l'assenza tra i firmatari di Donato Tenga (dopo l'approvazione in giunta della Fondazione San Leucio) e Domenico Guida, dopo che in un primo momento avevano sottoscritto una nota al sindaco chiedendo la revoca della mal digerita tariffa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Due casi fuori la 'zona rossa' di Mondragone. Un nuovo caso anche a Falciano

  • Zona rossa a Mondragone, pediatri di famiglia preoccupati: "Scaricate l'app Immuni"

  • Macchia nera in mare, era letame. Denunciati padre e figlio

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Schiavone: "La Provincia era un ente permeabile grazie a Ferraro e Cosentino"

Torna su
CasertaNews è in caricamento