Minaccia il suicidio su Facebook, salvato dal sindaco e dalla polizia municipale

A raccontare la vicenda il primo cittadino di Marcianise Antonello Velardi

Un intervento fondamentale della polizia municipale e del sindaco ha sventato un tentativo di suicidio nella notte a Marcianise. A raccontarlo è lo stesso primo cittadino, Antonello Velardi, che in un lungo post su Facebook descrive i momenti concitati che hanno portato, fortunatamente, ad evitare una tragedia.

“È quasi mezzanotte quando mi arriva un messaggio su Facebook – racconta Velardi - Mi scrive un amico di Fb con il quale per la verità non ho particolare consuetudine. "Sindaco - mi scrive - ho letto un post di un giovane che vuole suicidarsi. Sono molto preoccupato. Bisogna intervenire". E mi scrive il nome del giovane. Lì per lì resto perplesso. Diventa sempre molto difficile capire in questi casi, distinguere tra realtà e finzione. Il messaggio mi turba molto, non posso far finta di niente. Vado sul profilo del giovane indicato e, con mia sorpresa, davvero trovo il post con l'annuncio del suicidio. Smanetto sul profilo cercando di capire di chi si tratta. La foto mi dice e non mi dice, non trovo indizi utili. Mi viene lo sconforto, mi sento impotente. Chiamo i carabinieri? Ma per dire cosa? Non ho elementi, non ho nulla se non quel post, peraltro con un solo commento sotto, scritto da chi mi aveva mandato il messaggio. Che quel giovane non conosce. Rischiamo di perdere tempo, mi prende l'ansia di arrivare tardi”.

Il sindaco però non molla la presa sulla vicenda: “Una volta tanto il mestiere mi aiuta, il Padreterno mi assiste. Mi è capitato più volte nel lavoro di cercare persone, di lavorare su flebili indizi per arrivare a qualcuno. Lo faccio anche stavolta. In venti minuti, con un tam tam sotterraneo, notturno, riesco a risalire al giovane. Finalmente so dove abita, so chi è. Ricordo anche di averlo visto per strada, alla Sagra della rana. "Vive una condizione familiare disperata e una situazione personale molto difficile", mi dice nel cuore della notte una persona che lo conosce e che sono riuscito a rintracciare svegliandola dal sonno”.

A questo punto scatta la richiesta di soccorso, con l’intervento della polizia municipale: “Mi convinco che bisogna agire, e presto anche. Non sono a Marcianise, perderei tempo a tornare anche se di corsa. Chiamo a casa il comandante della municipale. Gli spiego tutto. "Vestiti e vai sul posto, io cerco di arrivare al più presto". Alberto Negro non se lo fa dire due volte, chiama un collaboratore e corrono nella notte cercando di non arrivare tardi. "Avvertitemi appena avete novità ". Mi chiamano, dieci minuti dopo mentre io corro a mia volta verso Marcianise. "Tutto a posto. Siamo a casa sua, con lui. È afflitto ma anche dispiaciuto per quello che ha causato, per tutto questo trambusto. Ma sta bene". Di colpo mi passa l'affanno, tiro un lungo sospiro di sollievo. Mi calmo, respiro profondamente. "Sindaco, il ragazzo le vuole parlare", e me lo passano al telefono. Si scusa, è davvero molto dispiaciuto per questa nostra corsa nel cuore della notte. Mi spiega, mi dice molte cose. Non sto qui a raccontarle. Ho capito che tutta questa attenzione lo rende vivo, quasi felice. È una storia di grandi disagi, la sua. È una storia di solitudine. Mi viene un groppo alla gola ascoltando le sue parole, è molto dignitoso anche nel racconto. Chiedo al comandante della municipale di tornare stamattina da lui, già penso a come coinvolgere i servizi sociali. E gli faccio una promessa: "Vengo domani, ti offro un caffè. Ma promettimi di non farci più mettere paura come hai fatto stanotte".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le auto di lusso del "signore della cocaina" nascoste in un garage casertano

  • La Dea Bendata bacia Caserta con una quaterna da 124mila euro

  • Benzina 'truccata', la finanza sequestra distributore di carburante

  • Scuole chiuse in provincia di Caserta: ecco i sindaci che hanno già firmato

  • “Un Mose anche per Caserta”. La foto che fa il giro del web

  • Il convento delle suore finite sotto indagine diventa proprietà del Comune

Torna su
CasertaNews è in caricamento