Accusato di appostamenti, pedinamenti, lesioni e minacce: il giudice ribalta tutto nel processo all'ex marito

La donna ha ritirato la denuncia per stalking durante la discussione

Molestie in famiglia, appostamenti, pedinamenti, chiamate nonché minacce, lesioni personali e sottrazione agli obblighi di assistenza inerenti alla potestà genitoriale alla qualità di coniuge. Questi sono i reati per i quali N.M. era stato allontanato dal proprio nucleo familiare e dall’abitazione familiare di Succivo. Stamattina il verdetto: il giudice Rossella Grassi del Tribunale di Napoli Nord ha pronunciato un’assoluzione. 

Tutto era cominciato da una denuncia dell’ex moglie convivente che aveva raccontato agli inquirenti un clima violento, fatto di soprusi ed angherie. Durante il processo, però, la situazione si è ribaltata al punto che la donna ha rimesso la querela in ordine al reato di stalking. Sulla mancanza dei mezzi di sussistenza ai figli e alla moglie, per la quale procedeva il giudizio, il Giudice ha accolto la tesi dell’avvocato Pierluigi Grassi e dell’avvocato Agostino Russo, dello studio legale Forensis, pronunciando sentenza di assoluzione per non aver commesso il fatto. 

I difensori sono riusciti a mostrare l’infondatezza su cui poggiava il castello di accuse mosse contro il loro assistito. L’ex moglie contestava, infatti, al marito che a partire dalla data della separazione aveva fatto mancare i mezzi di sussistenza ai figli, omettendo di versare al coniuge separato l’assegno fissato con il provvedimento di separazione consensuale sottraendosi, così, agli obblighi di assistenza inerenti alla potestà genitoriale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli avvocati Pierluigi Grassi e Agostino Russo hanno dimostrato durante l’istruttoria dibattimentale, anche attraverso il pertinente e scrupoloso controesame della querelante e dei testimoni, l’incapacità economica dell’imputato, la quale, non ha consentito al N. M. di ottemperare ai propri obblighi assistenziali. La difesa, inoltre, ha anche avanzato richiesta di revoca della misura cautelare a cui era sottoposto l’imputato. Il giudice Grassi, relativamente all’istanza di cui sopra, dichiarava la perdita di efficacia e la cessazione della misura cautelare del divieto di avvicinamento alla persona offesa applicata con ordinanza del GIP del Tribunale di Napoli Nord.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due casi fuori la 'zona rossa' di Mondragone. Un nuovo caso anche a Falciano

  • Zona rossa a Mondragone, pediatri di famiglia preoccupati: "Scaricate l'app Immuni"

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Macchia nera in mare, era letame. Denunciati padre e figlio

  • Schiavone: "La Provincia era un ente permeabile grazie a Ferraro e Cosentino"

  • Droga venduta al bar sull'asse Caivano-Caserta, 11 indagati

Torna su
CasertaNews è in caricamento