Ragazza spara con la pistola per Capodanno e si riprende in video

La denuncia del consigliere regionale dei Verdi Borrelli: "Pratica assurda"

La ragazza ripresa nel video

Spari nella notte di Capodanno ad Aversa. E' quanto ha denunciato il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli che, attraverso la propria pagina Facebook, ha pubblicato un video in cui si vede una ragazza impugnare una pistola ed esplodere diversi colpi davanti a sé per dare il benvenuto al 2019.

"Continueremo a pubblicare e a segnalare alla Polizia postale tutti i video che riprendono persone che impugnano armi da fuoco e sparano affinchè siano rintracciate, denunciate e punite come meritano - scrive Borrelli - Dopo il caso del baby neomelodico siciliano che cantava con un revolver in mano sparando al termine della canzone, identificato grazie alla nostra denuncia, un’altra video denuncia arriva da Aversa. Si tratta di un'altra dimostrazione di stupidità e irresponsabilità – prosegue - Una ragazza festeggia il Capodanno sparando con la pistola non si sa se vera o finta verso i palazzi di fronte all’abitazione dove si trovava. Intorno altri ragazzi che ridono compiaciuti. Denunceremo sempre questi casi, sia che sparino con armi vere che con quelle caricate a salve, e pubblicheremo le immagini affinchè la Polizia postale possa risalire a questi delinquenti. Qual è la ragione di festeggiare il primo dell'anno utilizzando armi da fuoco? In questo caso secondo chi ci ha segnalato il video il fatto sarebbe avvenuto a capodanno ad Aversa". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Doppio agguato di camorra, giallo sull'auto del commando

  • Schianto tra auto e camion sulla statale: ferita 27enne | FOTO

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Omicidio Vannini, le troupe televisive a Caserta alla ricerca di Antonio Ciontoli

  • Assalto fuori la banca, ferita una guardia giurata

  • Ragazza investita dal treno merci mentre è sui binari

Torna su
CasertaNews è in caricamento