Droga nella villa comunale, in 8 rischiano il processo

Tre degli indagati erano stati arrestati dai carabinieri a Piedimonte Matese

La procura di Santa Maria Capua Vetere ha chiuso le indagini nei confronti degli 8 indagati per il giro di spaccio di droga fermato dall’indagine dei carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese, che due settimane fa portò all’esecuzione di 5 ordinanze nei confronti di Mauro Iasalvatore (carcere), Giuseppe Di Muccio e Giuseppe Junior Di Muccio (domiciliari), Umberto Passariello (obbligo di presentazione alla polizia) e Diego Cancelmo (obbligo di dimora).

Come emerso dalle indagini, lo spaccio avveniva previo contatto telefonico per concordare gli incontri e le cessioni si verificavano in maniera discreta e veloce in luoghi abitudinari quali la villa comunale, la stazione ferroviaria, il centro storico "La Sorgente", nei pressi di alcuni esercizi pubblici della Piazza Carmine - cuore della cittadina matesina - e nella frazione di Sepicciano.

Ora la stessa procura, scrive 'Cronache di Caserta', dovrà decidere se chiedere al giudice per le indagini preliminari il rinvio a giudizio degli indagati.

Potrebbe interessarti

  • Maschera rigenerante per capelli secchi e crespi: la ricetta della nonna

  • Frutti rossi ed anguria per combattere le gambe gonfie e pesanti

  • Trucco illuminante: ecco la nuova tecnica e come applicarla

  • Quanto tempo bisogna aspettare per fare il bagno dopo aver mangiato?

I più letti della settimana

  • Un impero da 300 milioni di euro sequestrato all'imprenditore in odore di camorra

  • Affiora cadavere in mare, dramma sulla spiaggia

  • Pentito non attendibile, dissequestrato l'impero milionario dell'imprenditore calzaturiero

  • Tragedia sulla provinciale: muore motociclista

  • Rolex e Pandora falsi, arrestato orafo del Tarì

  • 23 ARRESTI Marito e moglie a capo della banda, in casa trovati 163mila euro in contanti

Torna su
CasertaNews è in caricamento