Spaccio di hashish, poliziotta sentita in aula

Al processo per Ianniello l'agente conferma: "Lo abbiamo sorpreso mentre cedeva la droga"

L'imputato sorpreso con le dosi di fumo

Spaccio di hashish. È questa l'accusa a carico di Domenico Ianniello di Maddaloni.

Stamattina si è celebrata l'udienza dinanzi al giudice Crisci della sezione distaccata di Caserta del tribunale di Santa Maria Capua Vetere. In aula è stata ascoltata l'assistente capo di polizia Chiara Sarnelli che ha confermato le circostanze che portarono all'arresto dell'odierno imputato.

"Abbiamo visto che stava cedendo degli involucri ad un ragazzo - ha spiegato l'agente del commissariato di Maddaloni rispondendo alle domande del difensore Alfredo Ramelli, in sostituzione del legale Valentino nominato da Ianniello - Siamo intervenuti prima che lo scambio potesse avvenire e abbiamo sorpreso Ianniello ancora con questi involucri in mano".

Il processo è stato rinviato al 24 maggio 2018 per ascoltare l'acquirente dello stupefacente, P. V. sempre di Maddaloni, e le conclusioni del processo.

Potrebbe interessarti

  • Buco nel pavimento del pronto soccorso, donna cade e si fa male

  • Pericolo topi: ecco come scacciarli dalle vostre case

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

  • Budget finito, ora tutte le analisi e le visite mediche saranno a pagamento

I più letti della settimana

  • Muore dopo lo schianto in autostrada al rientro dalle vacanze

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • Le previsioni meteo per Ferragosto nel casertano

  • FORZA LUCREZIA Amici e familiari in preghiera per la 24enne

  • Schianto in moto, infermiere in prognosi riservata

  • "Il pentito è nemico del clan", annullata la libertà vigilata

Torna su
CasertaNews è in caricamento