Incastrati da pedinamenti e intercettazioni, spacciatori nei guai

Ordinanza per una coppia di pusher che agiva tra Santa Maria Capua Vetere, San Prisco e San Tammaro

I carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Santa Maria Capua Vetere hanno dato esecuzione questa mattina a due ordinanze cautelare applicative della misura degli arresti domiciliari e dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria nei confronti di due indagati, gravemente indiziati a vario titolo dei reati di spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti, in particolare di hashish.

Il provvedimento segue l’indagine diretta dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere sviluppata tramite intercettazioni telefoniche e servizi di osservazione e pedinamento, che ha consentito di fare luce su diversi episodi di spaccio tra i comuni di Santa Maria Capua Vetere, San Prisco e San Tammaro tra i mesi di febbraio e maggio 2018.

Gli accertamenti delle cessione di droga venivano inoltre confermate dalle informazioni offerte da alcuni acquirenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Doppio agguato di camorra, giallo sull'auto del commando

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Omicidio Vannini, le troupe televisive a Caserta alla ricerca di Antonio Ciontoli

  • Assalto fuori la banca, ferita una guardia giurata

  • Camion non si 'accorge' del ponte di Ercole e paralizza il traffico | FOTO

  • Intercettati dai carabinieri sull'Appia, abbandonano il furgone e scappano a piedi

Torna su
CasertaNews è in caricamento