Spaccio e furti in ospedale: 39enne finisce in cella

L'uomo già sottoposto all'obbligo di dimora continuava a commettere reati

Continuava a spacciare ìdroga ed a commettere furti negli ospedali nonostante fosse sottoposto all'ordine di firma. Per questo motivo gli agenti del commissariato di Aversa, diretto da Vincenzo Gallozzi, hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Ciro Zevolo, napoletano di 39 anni, residente a Scampia.

L'uomo già in passato era finito nella rete della polizia per episodi di spaccio e per una serie di furti all'interno dell'ospedale Moscati di Aversa. Nonostante la misura dell'obbligo di dimora aveva proseguito nel commettere reati e per questo nei suoi confronti è stato disposto l'aggravamento della misura cautelare con quello in carcere. Espletate le formalità di rito il predetto veniva associato alla Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile schianto sulla Casilina: grave autista casertano I FOTO

  • Folgorato durante i lavori in casa, operaio muore a 34 anni

  • Scuole superiori: ecco quali sono le migliori a Caserta e provincia

  • "Faccio una vita da 30mila euro al mese", la confessione al telefono del medico corrotto

  • Il narcos casertano si pente e fa tremare la 'Ndrangheta

  • "Ora comando io, paga o ti blocco i carri". Arrestati 2 estorsori

Torna su
CasertaNews è in caricamento