Spaccio di droga, giudizio immediato per la mamma-corriere

Il processo per Eugenia Nacca inizierà a gennaio dopo l'arresto del mese scorso

La donna fermata con un panetto di hashish

Giudizio immediato per la mamma-corriere Eugenia Nacca, la 55enne di Casagiove arrestata lo scorso 10 maggio. E' quanto ha disposto il giudice per le indagini preliminari Orazio Rossi del tribunale di Santa Maria Capua Vetere che ha accolto la richiesta del pubblico ministero Gerardina Cozzolino

Nacca, assistita dall'avvocato Nello Sgambato, dovrà comparire dinanzi al giudice monocratico Roberta Carotenuto del tribunale sammaritano per il processo a suo carico che comincerà all'inizio di gennaio.

La donna era stata arrestata dai carabinieri in via San Leucio a Caserta nel corso di un servizio di controllo del territorio. I militari vennero insospettiti dall'atteggiamento evasivo della 55enne e decisero di effettuare una perquisizione dell'auto sulla quale viaggiava rinvenendo circa 100 grammi di hashish. Successivamente il gip aveva accolto l'istanza del difensore sostituendo la misura degli arresti domiciliari con quella meno afflittiva dell'obbligo di dimora.

Nel provvedimento il magistrato aveva ribadito come "non può essere sottaciuto" il ruolo di corriere svolto da Nacca ed il fatto che l'indagata sia "in contatto con soggetti in grado di fornirgli la droga che di soggetti cui cederla".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo alle poste, i ladri ‘beffati’ dal direttore | FOTO

  • Poste Italiane cerca portalettere nel casertano, ma il tempo stringe

  • Beccati con un cinghiale di 100 chili in auto

  • Irruzione dei banditi in un altro ufficio postale

  • Muore ragazzino di 12 anni dopo essere stato investito in bici

  • Rapina all'ufficio postale: polizia e carabinieri circondano la zona | LE FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento