Spaccio di coca, hashish e crack: 22enne incastrato dalle telefonate

E' stato raggiunto da un'ordinanza di custodia cautelare

I Carabinieri della Stazione di Valle di Maddaloni hanno dato esecuzione ad una ordinanza di applicazione della misura coercitiva degli arresti domiciliari disposta dal gip, su richiesta della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, nei confronti di Antonio P, 22 anni. 

Le indagini che hanno portato all'emissione di tale provvedimento sono originate da un controllo di polizia effettuato dai militari della Stazione di Valle di Maddaloni, il 5 dicembre 2017, quando venivano fermati e sottoposti a perquisizione tre individui a bordo di un'autovettura, tra i quali il 22enne, questi trovato in possesso di una modesta quantità di crack. 

Gli esiti della perquisizione domiciliare, nel corso della quale furono rinvenuti un bilancino di precisione, oltre ad altra modesta quantità di hashish, consentivano di immaginare che la persona controllata operasse il commercio di stupefacenti. La disamina dei tabulati telefonici dell'utenza in uso all'indagato, unita alle sommarie informazioni di numerosi soggetti con i quali lo stesso aveva avuto molteplici contatti nei mesi precedenti, consentiva di provare svariati episodi di spaccio di cocaina, hashish e crack.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mani massacrate a martellate: un casertano tra i picchiatori del gruppo Contini

  • La speranza è finita: Fioravante è stato trovato morto

  • Prima uscita pubblica dei renziani: ecco chi ci sarà a Caserta

  • Cenerentola chiude, l'addio in una lettera: "50 anni bellissimi"

  • Il figlio non torna a casa, papà lo trova con gli amici e accoltella un 16enne

  • Blitz di Luca Abete a Marcianise dopo il servizio sul reddito di cittadinanza

Torna su
CasertaNews è in caricamento