3 ARRESTI Spaccio di droga per il clan, blitz della Squadra Mobile

In manette è finito un pusher casertano al servizio del clan Vastarella

C’è anche un 28enne di Capua, Mike Korkoi, tra le tre persone raggiunte questa mattina da un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del tribunale di Napoli ed eseguita dalla locale Squadra Mobile perchè ritenute affiliate al clan Vastarella e responsabili, insieme a Patrizio ed Antonio Vastarella, già colpiti da precedente ordinanza, del reato di associazione per delinquere finalizzata alla detenzione e alla cessione di sostanza stupefacente con l’aggravante del metodo mafioso.

Il provvedimento restrittivo eseguito questa mattina nei confronti anche di Salvatore Capocelli, 45enne di Napoli, e di Raffaele Stella, 55enne di Napoli, rappresenta la fine di un’articolata attività d’indagine  che il 3 marzo 2018 aveva portato all’esecuzione di un’altra ordinanza di custodia cautelare emessa nei confronti di 18 soggetti, tra promotori e affiliati del clan Vastarella che aveva imposto la propria leadership nel quartiere Sanità, ricorrendo frequentemente all’uso della forza – anche mediante l’allontanamento fisico dalle proprie abitazioni di soggetti ritenuti affiliati o contigui alle organizzazioni criminali rivali – e delle armi, rendendosi protagonista di scorribande armate all’interno del quartiere in ogni ora del giorno e della notte.

L’attività investigativa, fondata su attività di intercettazione ambientale e telefonica oltre che sul contributo dichiarativo di recenti collaboratori di giustizia, ha consentito di delineare il ruolo degli odierni indagati: in particolare Antonio Stella aveva il compito di rifornire le piazze di spaccio mentre Salvatore Capocelli e Mike Korkoi erano addetti alla vendita di hashish e cocaina sulle piazze di spaccio direttamente gestite dal clan Vastarella nel quartiere Sanità.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • L'imprenditore pentito accusa la sua rete di prestanome

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

Torna su
CasertaNews è in caricamento