Difesa rumena per Inquieto: "Ha realizzato un impero col suo lavoro"

Il processo all'imprenditore accusato di aver riciclato i soldi del boss Michele Zagaria

Nicola Inquieto

Il tesoretto di Nicola Inquieto sarebbe frutto esclusivamente del suo lavoro. Questo il senso di quanto detto nel corso dell'ultima udienza a carico dell'imprenditore di Casapesenna accusato di aver riciclato nelle sue attività in Romania i soldi del boss Michele Zagaria.

Dinanzi ai giudici del tribunale di Napoli Nord è stato ascoltato l'avvocato di Inquieto in Romania che ha ribadito come l'imprenditore sia partito da zero, costruendo un vero e proprio impero partendo da finanziamenti bancari. Insomma Inquieto, difeso dagli avvocati Giuseppe Stellato e Nicola Marino, avrebbe raggiunto la sua posizione economica attuale solo con il suo lavoro. 

Dello stesso tenore anche le dichiarazioni di un architetto e di un acquirente di un immobile realizzato da Inquieto, anche loro rumeni. 

Il processo è stato dunque rinviato alla fine di febbraio per il prosieguo dell'escussione dei testimoni della corposa lista presentata dalla difesa.  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

Torna su
CasertaNews è in caricamento