Difesa rumena per Inquieto: "Ha realizzato un impero col suo lavoro"

Il processo all'imprenditore accusato di aver riciclato i soldi del boss Michele Zagaria

Nicola Inquieto

Il tesoretto di Nicola Inquieto sarebbe frutto esclusivamente del suo lavoro. Questo il senso di quanto detto nel corso dell'ultima udienza a carico dell'imprenditore di Casapesenna accusato di aver riciclato nelle sue attività in Romania i soldi del boss Michele Zagaria.

Dinanzi ai giudici del tribunale di Napoli Nord è stato ascoltato l'avvocato di Inquieto in Romania che ha ribadito come l'imprenditore sia partito da zero, costruendo un vero e proprio impero partendo da finanziamenti bancari. Insomma Inquieto, difeso dagli avvocati Giuseppe Stellato e Nicola Marino, avrebbe raggiunto la sua posizione economica attuale solo con il suo lavoro. 

Dello stesso tenore anche le dichiarazioni di un architetto e di un acquirente di un immobile realizzato da Inquieto, anche loro rumeni. 

Il processo è stato dunque rinviato alla fine di febbraio per il prosieguo dell'escussione dei testimoni della corposa lista presentata dalla difesa.  

Potrebbe interessarti

  • I 10 ristoranti dove si mangia il miglior pesce a Caserta

  • Bevanda disintossicante e sgonfiante: la ricetta per ridurre il girovita

  • Stirare d'estate è una tortura? Ecco come evitare il ferro da stiro e avere abiti perfetti

  • Caiazzo diventa set per la fiction ‘Un posto al sole’ I FOTO

I più letti della settimana

  • Schianto sull'Asse Mediano, muore motocicilista

  • Agguato con la pistola contro tre persone, arrestato dopo il blitz in casa

  • 3 ARRESTI Pizzo alla ditta di caffè, in manette fedelissimo di Iovine

  • Schianto in autostrada, automobilisti 'intrappolati' da un'ora

  • Allarme furti, cittadini barricati in casa nonostante il caldo

  • Muore a 24 anni: comunità sconvolta

Torna su
CasertaNews è in caricamento