22 ARRESTI Ecco il tariffario della 'banda degli onesti': 2 euro per 20 euro falsi | VIDEO

L'inchiesta è partita da un'altra indagine della Procura su un traffico di droga

La conferenza stampa in Procura sulla banda dei falsari

Due euro per una banconota da 20; 7 euro per una da 50. Poi il prezzo saliva ad ogni passaggio di mano. Era questo il tariffario della "banda degli onesti" italo-francese disarticolata dall'attività investigativa condotta dai carabinieri di Capua, coordinati dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, e dalla gendarmerie d'oltralpe e che ha portato all'esecuzione di 22 arresti. 

L'inchiesta sul traffico di banconote è partita da un'altra indagine della Procura sammaritana su un traffico di sostanze stupefacenti. Nell'ambito di tale attività gli organi inquirenti hanno iniziato a monitorare l'utenza telefonica intestata a Raffaele Fresegna, 65 anni di Castel Volturno. E dalle intercettazioni si è riusciti a ricostruire la rete dei falsari.

I NOMI, I RUOLI ED IL MAXI SEQUESTRO

Fresegna era, secondo la ricostruzione degli investigatori, un intermediario di primo livello che si riforniva di banconote dai De Martino, Enrico e Vincenzo, padre e figlio, che avevano avviato una stamperia clandestina di banconote false in alcuni cunicoli, insonorizzati, ricavati nei garage di alcune palazzine popolari a San Giorgio a Cremano.

PARLA IL CAPO DELLA PROCURA, TRONCONE

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da qui partivano i soldi falsi (sono stati sequestrati circa 100mila euro contraffatti) verso il Nord Italia e la Francia, in particolare Marsiglia e la Lorena, dove le banconote passavano ad intermediari di secondo livello, con relativo aumento di prezzo, fino a finire sul mercato. 

In una circostanza i carabinieri hanno intercettato Fresegna, in provincia di Varese, rinvenendo all'interno di un doppio fondo dell'auto 85mila euro falsi. Nel corso dell'operazione sono finite sotto chiave le attrezzature utilizzate dalla banda di falsari per fabbricare i soldi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il giorno del contagio in Campania: 24enne di Caserta positiva al test

  • Coronavirus, De Luca chiude le scuole in tutta la Campania

  • Coronavirus, scuole chiuse a Caserta. La 24enne 'positiva' trasferita al Cotugno

  • Coronavirus, i sindaci chiudono le scuole per tutta la settimana

  • Psicosi coronavirus, monitorati altri 2 casi nel casertano. Sono rientrati dal Nord nelle ultime ore

  • Psicosi coronavirus, caso sospetto in ospedale: attivato il protocollo sanitario

Torna su
CasertaNews è in caricamento