TERREMOTO IN COMUNE Soldi, crociera e stufe: così il dirigente corrotto chiude un occhio

Soldi non pagati al Comune in cambio di favori al capo dell'ufficio tecnico: "Ha ottenuto anche il viaggio di nozze della figlia"

L'area dove è stata realizzata la struttura dell'Imat

Si sa che di questi tempi fa freddo. Anche negli uffici comunali di Castel Volturno il rigido inverno fa sentire i propri effetti. Per questo Carmine Noviello, il dirigente dell'Ufficio Tecnico di Castel Volturno, si era fatto dare anche le stufe da mettere nelle stanze comunali da Rosario Trapanese, il comandante dirigente dell'Imat. Corruzione ad uso pubblico, insomma, ma anche privato tra soldi, forniture di pesce ed il viaggio di nozze in crociera per la figlia offerto proprio dal dirigente dell'Imat.

IL DIRIGENTE CORROTTO

Uno spaccato inquietante quello che emerge dall'inchiesta dei carabinieri del reparto territoriale di Mondragone coordinati dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, con i pm Quaranta ed Urbano, che ha fatto luce sul sistema di corruttela con condoni, permessi a costruire ed autorizzazioni varie ottenute attraverso il pagamento di bustarelle per chiudere un occhio (o anche tutti e due) sulle irregolarità. Ed a ottenere i benefici maggiori, secondo quanto emerso dalla Procura sammaritana, era proprio il capo dell'ufficio tecnico comunale Carmine Noviello, finito in carcere in seguito all'ordinanza di custodia cautelare eseguita stamattina. 

SOLDI PER I PERMESSI

In due occasioni è stata documentata dalla Procura la dazione di denaro. In una circostanza Noviello avrebbe ottenuto 30mila euro da parte di tale Ulderico Fabozzi, proprietario di alcuni locali ad uso commerciale ubicati al pianterreno dell'American Palace, struttura un tempo teatro di traffici illeciti e degrado sulla Domitiana. Soldi che servivano per ottenere l'agibilità su locali ubicati in una struttura di fatto pericolante. Autorizzazione che veniva rilasciata in via provvisoria nonostante Noviello avesse piena contezza delle problematiche che c'erano sulla pratica di condono.

Nell'altro caso, invece, Noviello avrebbe ottenuto una "mazzetta" da 5mila euro da parte dal titolare di un'impresa immobiliare interessata ad un permesso a costruire in via delle Acacie, con un'iniziale autorizzazione per lavori di ristrutturazione "trasformata" via via in un permesso a costruire ex novo grazie ad una falsa relazione, redatta da Giuseppe Verazzo (il socio di Noviello nel sistema di malaffare anch'egli arrestato) attestante l'impossibilità del recupero della struttura esistente.

STUFE E VIAGGI DI NOZZE

Differente, invece, la situazione per l'Imat ed in particolare sulla realizzazione da parte della Italian Maritime Academy Technologies, di cui è dirigente Rosario Trapanese, di un simulatore marittimo, con la forma di una nave da crociera, in zona Laghetti a Castel Volturno. 

Simulatore che avrebbe avuto, secondo gli inquirenti, una volumetria di gran lunga superiore rispetto agli strumenti urbanistica vigenti nella zona interessata e per il quale Noviello avrebbe anche omesso di far corrispondere gli oneri concessori, pari a 150mila euro per la sola quota di urbanizzazione, attestando il pagamento degli stessi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In questo modo il capo dell'Utc avrebbe ottenuto da Trapanese una serie di favori personali tra cui il coinvolgimento del fratello nella direzione tecnica dei lavori avviati dall'Imat; l'assunzione di un parente dei uno stretto collaboratore di Noviello presso la M.P. Security, che svolgeva la vigilanza privata proprio per Imat; l'impegno di Trapanese - che lavorava anche per un'importante compagnia di navigazione - ad interessarsi del viaggio di nozze in crociera della figlia. Favori oltre a regalie come prodotti ittici e le stufe da utilizzare in Comune fatte recapitare a casa del dirigente comunale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sequestrata azienda di giardinaggio: alberi uccisi dal punterolo rosso bruciati in un terreno | FOTO

  • Finto contratto da badante per il permesso di soggiorno

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Il pentito: "Carmine Schiavone voleva eliminare gli ultimi rappresentanti dei Bidognetti"

  • Aumentano di nuovo i contagi da coronavirus nel casertano

  • Nervi tesissimi tra cancellieri ed avvocati. La Camera Penale: "Accuse false contro la nostra categoria"

Torna su
CasertaNews è in caricamento