Sindaco minacciato, l’assessore Cavaliere: “Il ministro Minniti venga a Casapesenna”

L’esponente grillino chiede unità alle forze politiche per sostenere De Rosa

Il sindaco di Casapesenna Marcello De Rosa

Non solo i cittadini. Anche la politica si ribella alle intimidazioni subite dalla famiglia del sindaco di Casapesenna Marcello De Rosa, e scende in piazza per sostenerlo e chiedere a gran voce il ritiro delle sue dimissioni. In prima fila c’è Michele Cavaliere, assessore all’Ambiente ed esponente di ‘Casapesenna in Positivo’.

“Anche la politica locale deve reagire – spiega l’assessore – e per questo chiedo la convocazione di un Consiglio comunale aperto”. Cavaliere annuncia inoltre, per la manifestazione in programma il prossimo venerdì 8 dicembre, la presenza di esponenti regionali e nazionali del Movimento 5 Stelle.

“Di fronte agli atti intimidatori così gravi – afferma l’esponente della giunta De Rosa - la politica deve reagire in maniera forte e chiara.Attendo che il ministro degli Interni Minniti venga a Casapesenna a dare garanzia alle istituzioni e presieda il Consiglio comunale. Noi non ci stiamo a tornare indietro nel tempo quando la camorra spadroneggiava per le strade di Casapesenna, questo popolo già ha pagato un prezzo altissimo. Rispetto la scelta del Sindaco ma gli voglio solo dire che noi lo abbiamo sostenuto perché lui rappresentava il cambiamento e la legalità. Venerdì 8 dicembre le istituzioni, quelle sane, del territorio, ma anche quelle provinciali e nazionali, devono venire a Casapesenna e partecipare alla fiaccolata indetta dal popolo che si ribella. Mi rivolgo ai tanti sindaci di questa Provincia che sanno bene cosa significa amministrare un Comune come Casapesenna. Il sindaco De Rosa e la sua famiglia devono capire che non sono soli, che le istituzioni gli sono vicine, ma soprattutto estendere il programma di protezione a tutta la famiglia è il minimo che il ministro possa fare. Diversamente chiederò ai miei referenti nazionali del Movimento 5 Stelle di presentare un’interrogazione parlamentare sull’accaduto, che non va assolutamente sottovalutato”.

Cavaliere lancia poi un messaggio anche a tutti i consiglieri comunali di maggioranza e minoranza: “Il coraggio di Marcello va ricambiato con la nostra vicinanza, siamo tutti responsabili del mandato che il popolo di Casapesenna ci ha conferito, hanno creduto in noi fino in fondo e non possiamo spegnere la speranza dei tanti giovani che hanno condiviso il nostro progetto per Casapesenna e che il sindaco De Rosa in solo tre anni già aveva portato a termine. A Marcello va la mia stima personale ma anche la mia comprensione, essendo anch’io padre di tre figli, Io ci sto caro sindaco perché ci credo, credo in una Casapesenna diversa quella che abbiamo raccontato durante la campagna elettorale e che poi abbiamo realizzato. Penso alla realizzazione dell’isola ecologica in un bene confiscato, penso al parco della legalità centro di aggregazione sociale, penso ai lavori di riqualificazione di via Roma ,penso all’area PIP, dopo 45 anni dalla sua nascita Casapesenna ha un’area per gli insediamenti produttivi, penso alle tante confische e la consegna di questi beni ai nostri cittadini e alle associazioni .Penso che un sindaco come Marcello difficilmente Casapesenna riuscirà ad averlo in futuro perchè crede in quello che fa, in tutte le cose ci metti passione e determinazione. Caro sindaco non mollare, siamo tutti con te”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Ucciso per un'offesa a Zagaria", il manoscritto di Schiavone finisce nel processo

  • Auto si schianta contro i Ponti della Valle, morto 48enne | FOTO

  • Gioielli rubati, l'ispettore incastra il titolare del 'Compro Oro'

  • Camion si ribalta, autostrada chiusa | FOTO

  • Tutor sull'Asse Mediano, giudice annulla la multa per cartelloni e limite di velocità

  • Zagaria attacca Schiavone dopo la testimonianza

Torna su
CasertaNews è in caricamento